Dona Adesso
Front view of the upper Basilica of St. Francis of Assisi

WIKIMEDIA COMMONS

Il proselitismo tra il Santo d’Assisi e papa Francesco

La volontà che diventino cristiani non è evangelica se è una “pretesa”

Papa Francesco nell’incontro di venerdì 12 giugno al terzo “ritiro mondiale dei sacerdoti” promosso dall’International Catholic Charismatic Renewal Services e dalla Catholic Fraternity ha di nuovo esortato a non agire per proselitismo. Per comprendere maggiormente quest’aspetto dell’insegnamento pontificio – già affermato precedentemente da Benedetto XVI – può essere utile rileggere quanto frate Francesco d’Assisi scrisse nella Lettera ad un ministro che voleva lasciare il servizio ai frati per ritirarsi in un eremo. A questo proposito padre Carlo Paolazzi, autore della recente edizione critica degli scritti dell’Assisiate afferma: «Il contesto spiega questa affermazione arditissima: la volontà che i fratelli diventino “cristiani migliori” non è evangelica, se è una “pretesa” che nasce dall’aspirazione egoistica a vivere in pace, mentre chi si mescola con i peccatori, insieme a Cristo obbediente e crocifisso, ha compiuto un esodo da se stesso più radicale di chi si isola in un romitorio».

A frate N… ministro. Il Signore ti benedica!

Io ti dico, come posso, per quello che riguarda la tua anima, che quelle cose che ti impediscono di amare il Signore Iddio, e ogni persona che ti sarà di ostacolo, siano frati o altri, anche se ti percuotessero, tutto questo devi ritenere come una grazia. E così tu devi volere e non diversamente. E questo tieni per te in conto di vera obbedienza da parte del Signore Iddio e mia, perché io so con certezza che questa è vera obbedienza. E ama coloro che ti fanno queste cose. E non aspettarti da loro altro, se non ciò che il Signore ti darà. E in questo amali e non pretendere che siano cristiani migliori. E questo sia per te più che il romitorio. E in questo voglio conoscere se tu ami il Signore e ami me servo suo e tuo, se farai questo, e cioè: che non ci sia mai alcun frate al mondo, che abbia peccato quanto poteva peccare, il quale, dopo aver visto i tuoi occhi, se ne torni via senza il tuo perdono misericordioso, se egli lo chiede; e se non chiedesse misericordia, chiedi tu a lui se vuole misericordia.

E se, in seguito, mille volte peccasse davanti ai tuoi occhi, amalo più di me per questo: che tu possa attirarlo al Signore; e abbi sempre misericordia di tali fratelli. E notifica ai guardiani, quando potrai, che da parte tua sei deciso a fare così.

Per un approfondimento cfr. C. Paolazzi, Il cantico di frate sole, Ed. Porziuncola, Assisi, p. 116, euro 7,00.

About Redazione

Share this Entry

Sostieni ZENIT

Se questo articolo ti è piaciuto puoi aiutare ZENIT a crescere con una donazione