Dona Adesso
St. Paul's Hospital

WIKIMEDIA COMMONS

Il Papa: “Se siamo uniti, potremo sconfiggere l’AIDS”

Il messaggio di Francesco ai partecipanti all’8° conferenza su patogenesi, trattamento e prevenzione dell’HIV

I progressi nel trattamento dell’HIV/AIDS “danno testimonianza della possibilità di un esito favorevole, quando tutti i settori della società sono uniti per uno scopo comune”.

Così si è espresso papa Francesco davanti ai partecipanti all’8° Conferenza della International AIDS Society su patogenesi, trattamento e prevenzione dell’HIV.

Il Santo Padre ha inviato un messaggio alla conferenza tramite il Segretario di Stato Vaticano, cardinale Pietro Parolin. La missiva è indirizzata al dottor Julio Montaner, direttore del Centro d’Eccellenza in HIV/AIDS “British Columbia”, presso l’Ospedale Saint Paul di Vancouver, e co-presidente della Conferenza.

Il Pontefice ha assicurato ai partecipanti le proprie preghiere affinché “tutti i progressi della farmacologia, il trattamento e la ricerca siano accompagnati da un fermo impegno a promuovere lo sviluppo integrale di ogni persona come un figlio amato da Dio”.

Saint Paul è un’istituzione di ispirazione cattolica, fondata dalle Suore della Provvidenza, e si è distinta per la cura dell’HIV, così come per la sua ricerca scientifica avanguardia per dimostrare che la diagnosi precoce e il trattamento delle persone affette da HIV non solo salva vite umane, ma è anche efficace al 96% nel prevenire l’ulteriore diffusione della malattia. Così l’obiettivo principale della Conferenza di quest’anno è Il trattamento come prevenzione.

Esperti internazionali di sanità pubblica hanno affermato di essere ora in possesso di prove scientifiche che l’HIV/AIDS potrebbe smettere di essere un’emergenza per la sanità pubblica entro il 2030, se almeno il 90% di tutte le persone che vivono con l’HIV potranno essere correttamente diagnosticate ed inizino un trattamento anti-retrovirale efficace, per abbassare la quantità di virus nel loro corpo e, quindi, ridurre drasticamente il numero di nuove infezioni da HIV in tutte le parti del mondo.

About Redazione

Share this Entry

Sostieni ZENIT

Se questo articolo ti è piaciuto puoi aiutare ZENIT a crescere con una donazione