Dona Adesso

Beata Szydło - Wikimedia Commons

Il Papa riceve il premier della Polonia Beata Szydło

Promozione della famiglia, accoglienza dei profughi e Giornata Mondiale della Gioventù al centro dei colloqui

Questa mattina, Papa Francesco ha ricevuto in udienza il premier Beata Szydło, primo ministro della Repubblica di Polonia, la quale, successivamente, ha incontrato mons. Paul Richard Gallagher, segretario per i Rapporti con gli Stati.

Iniziato alle 10.30, il colloquio è durato circa 30 minuti, alla presenza di un interprete, in un clima cordiale. Durante il dialogo, informa una nota della Sala Stampa vaticana, “è stato rilevato il contributo positivo della Chiesa cattolica alla società polacca” e “si è fatto un particolare riferimento alla visita che il Santo Padre compirà nel Paese nel prossimo mese di luglio in occasione della Giornata Mondiale della Gioventù e alle recenti celebrazioni a Gniezno e a Poznań per il 1050° Anniversario del Battesimo della Polonia, alle quali ha partecipato il card. Pietro Parolin, segretario di Stato, in qualità di Legato Pontificio”.

Successivamente, riferisce il comunicato, “ci si è soffermati su alcuni temi di mutuo interesse, quali la promozione della famiglia nell’attuale contesto socio-culturale e l’accoglienza dei profughi”. Infine, “sono state discusse alcune tematiche che concernono la comunità internazionale, quali la pace e la sicurezza, il conflitto in Siria e la situazione umanitaria nell’Ucraina e nel Medio Oriente”.

Al momento dello scambio dei doni, Beata Szydło ha consegnato al Papa la ristampa di una Bibbia del XVI secolo, il cui autore è il gesuita Jacopo Wujek. Una edizione, questa, ha osservato Francesco, “molto amata da Giovanni Paolo II”. Da parte sua, il Pontefice ha ricambiato con il medaglione della pace e una copia della enciclica Laudato Si’ e della esortazione apostolica Amoris laetitia. 

Incontrando a margine la stampa, il premier ha detto di aver parlato al Papa anche del programma di aiuti per le famiglie avviato in Polonia lo scorso 1° aprile dal titolo “500 più”. Grazie all’iniziativa il Governo dona 120 euro alle famiglie dal mese dal secondo figlio in poi ed è valido anche per le madri single. Con mons. Gallagher, ha riferito ancora Szydło, si è parlato ancora della Gmg e della situazione in Europa.

About Redazione

Share this Entry

Sostieni ZENIT

Se questo articolo ti è piaciuto puoi aiutare ZENIT a crescere con una donazione