Dona Adesso

Il Papa in volo per l’Africa. Nel pomeriggio arrivo in Kenya

Il decollo dell’Airbus Alitalia stamane alle 8. Durante il tragitto, scambio di telegrammi con Mattarella. Ieri la preghiera a Santa Maria Maggiore

Alle 8.01 di questa mattina è decollato dall’aeroporto di Roma Fiumicino l’airbus A330-200 dell’Alitalia “Giotto” che porterà Papa Francesco in Kenya, prima tappa del viaggio apostolico che lo vedrà visitare anche l’Uganda e la Repubblica Centrafricana. L’arrivo all’aeroporto internazionale Jomo Kenyatta di Nairobi è previsto alle ore 17 locali (le 15 italiane), dopo circa sette ore di volo. 

Come ormai tradizione, Bergoglio si è recato ieri, alle ore 19.10, in Santa Maria Maggiore per raccogliersi in preghiera in vista del suo viaggio. È la 27esima volta che il Pontefice varca le porte della Basilica Liberiana. Questa mattina, con la sorveglianza dall’alto di un elicottero della polizia, è giunto intorno alle 7.40 a bordo della Ford Focus del Vaticano che si è fermata in pista, a pochi passi dal velivolo. Il Pontefice, con in mano la solita borsa di pelle nera, è stato accolto tra gli altri da mons. Gino Reali, vescovo della diocesi di Porto-Santa Rufina, nella cui giurisdizione si trova l’aeroporto di Fiumicino e da altre autorità civili e militari, con le quali si è intrattenuto cordialmente.

Durante il percorso, 5.389 km, l’aereo papale sorvolerà: Grecia, Egitto, Sudan ed Etiopia.  Come consuetudine durante ogni viaggio internazionale, Francesco ha poi inviato un messaggio al presidente della Repubblica italiana, Sergio Mattarella, in cui scrive: “Nel momento in cui mi accingo a compiere un viaggio apostolico in Kenya, Uganda e Repubblica Centrafricana, mosso dal vivo desiderio di incontrare i fratelli nella fede e gli abitanti di quelle care nazioni mi è gradito rivolgere a Lei, signor presidente, l’espressione del mio deferente saluto che accompagno con fervide preghiere per il bene e la prosperità dell’intero popolo italiano”. 

Pronta la risposta del capo di Stato che in un telegramma scrive al Papa: “Desidero farle pervenire il mio più sincero ringraziamento per il messaggio che ha voluto cortesemente indirizzarmi nel momento in cui si accinge a partire per il viaggio apostolico in Kenya, Uganda e Repubblica Centrafricana. L’Italia e la comunità internazionale guardano con grande attenzione al suo primo viaggio nel continente africano, il cui potenziale di crescita e sviluppo è tuttora ostacolato da guerre, instabilità politica, povertà e allarmanti disuguaglianze sociali”.

“La sua presenza – aggiunge Mattarella – sarà di sostegno e incoraggiamento alle locali comunità cristiane e recherà un importante segnale di pace, fraternità e dialogo ai paesi visitati e all’intero continente, fornendo altresì un prezioso messaggio di speranza per il futuro. Mi è gradita, Santità, l’occasione per rinnovarle i sensi della mia più profonda stima e considerazione”. 

 

About Redazione

Share this Entry

Sostieni ZENIT

Se questo articolo ti è piaciuto puoi aiutare ZENIT a crescere con una donazione