Dona Adesso
Read to Me Grandma

Pixabay CC0

Il Papa: “Chi si prende cura con amore degli anziani, collabora al bene comune”

Il messaggio di Francesco in occasione della Festa dei nonni, che si celebra domani in Spagna, nel giorno dei Santi Gioacchino e Anna

Papa Francesco ha inviato un messaggio ai partecipanti e agli organizzatori della XVI edizione della Festa dei nonni, che si tiene domani in Spagna, in occasione della festa dei Santi Gioacchino e Anna. Nel suo messaggio, recapitato presso la Nunziatura Apostolica in Spagna, il Santo Padre esorta a “riaffermare la fede nella vicinanza del Signore”.

Ai partecipanti alla Festa dei nonni, il Pontefice ricorda anche che il Signore “non vi abbandona mai, nella convinzione di poter contribuire, con la proprie parole e con gesti amorevoli alla vita e alla crescita umana delle proprie famiglie, ad un livello profondamente umano, spirituale e di fede”.

Il Papa riafferma, infine, l’intenzione delle persone che si prendono cura degli anziani “con la gioiosa soddisfazione che, nel prendersi cura di loro con amore, stanno collaborando al bene comune della società”.

La Giornata è promossa ogni anno in occasione della festa dei Santi Gioacchino e Anna, nonni di Gesù, dall’Associazione spagnola cattolica Edad Dorada-Mensajero de la Paz, impegnata nell’assistenza e nella promozione degli anziani. L’obiettivo è quello di “aumentare la consapevolezza del rispetto dovuto alle persone anziane che hanno dato tanto alla tua vita, apprezzare il valore prezioso di nonni in ogni famiglia e richiamare l’attenzione sulle esigenze della popolazione anziana”.

Madrid ospiterà quest’anno l’evento centrale della giornata: una Santa Messa presieduta da mons. Luis Gutierrez Martino, vescovo emerito di Segovia, nella chiesa di Sant’Antonio. Dopo la celebrazione, sarà letto il messaggio del Santo Padre, con la sua benedizione apostolica.

L’arcivescovo di Madrid, monsignor Carlos Osorio, ha inviato un messaggio per questa Giornata, in cui ricorda che la “Festa dei Nonni è una celebrazione dalle profonde radici familiari, senza dimenticare la dimensione sociale e istituzionale che ha anche nel nostro mondo di oggi”. Poi domanda: “Chi non ricorda e sente un affetto speciale per i nonni? Quante cose buone ci hanno insegnato!”, afferma l’Arcivescovo di Madrid.

About Redazione

Share this Entry

Sostieni ZENIT

Se questo articolo ti è piaciuto puoi aiutare ZENIT a crescere con una donazione