Dona Adesso

Il Papa arriva in Corea. E durante il volo invoca benedizioni per paesi e popoli

L’aereo papale atterra alle 3.20 ora locale, con 15 minuti di anticipo. Il Pontefice ha sorvolato nove paesi inviando messaggi di benedizione ai rispettivi presidenti e pregando per il giornalista italiano ucciso a Gaza

Per arrivare nel paese asiatico, l’aereo che trasportava il Pontefice ha sorvolato Croazia, Slovenia, Austria, Slovacchia, Polonia, Bielorussia, Russia, Mongolia e Cina. Per ognuno di questi paesi Papa Francesco ha voluto inviare un messaggio telegrafico ai rispettivi Capi di Stato.

A Ivo Josipovic, presidente della Croazia, ha scritto: “Sorvolando il Vostro Paese nel corso del volo che mi porterà in Corea del Sud, invio a Lei ed ai suoi concittadini cordiali saluti. Implorando la divina benedizione per la vostra nazione, prego Dio Onnipotente affinchè vi benedica con pace e benessere”. Al presidente della Slovenia, Borut Pahor, ha invece detto: “Rivolgo un cordiale saluto a Vostra Eccellenza e i i suoi concittadini. Nel sorvolare il vostro Paese invoco la benedizione di Dio Onnipotente e lo prego affinchè conceda alla vostra nazione pace e benessere”.

Telegrammi simili con invocazioni e preghiere di pace e benessere, il Papa li ha inviati anche ai Presidenti dell’Austria Heinz Fischer; della Slovacchia Andrej Kiska; della Polonia Bronislaw Komorowski; della Bielorussia Alexander Lukashenko; della Russia Vladimir Putin; della Mongolia Tsakhiagiin Elbegdorj.

Per la prima volta, inoltre, l’aereo papale ha potuto volare sopra la Repubblica Popolare Cinese, grazie all’autorizzazione di Pechino. Papa Francesco ha indirizzato quindi un messaggio augurale anche al presidente Xi Jinping in cui scrive: “Entrando nello spazio aereo cinese, porgo i miei migliori auguri a sua eccellenza e a tutti i suoi concittadini e invoco la benedizione divina di pace e benessere sulla Nazione”.

Durante il viaggio, poi, Francesco ha pregato con i giornalisti presenti anche per Simone Camilli, il videoreporter italiano ucciso ieri a Gaza durante l’operazione di disinnesco di un missile. “Una preghiera per Simone Camilli, uno dei ‘vostri’ che oggi se ne è andato in servizio”, ha chiesto il Santo Padre, invitando a pregare “in silenzio” e affermando: “Queste sono conseguenze della guerra”.

“Grazie per il vostro servizio – ha aggiunto il Pontefice -. Grazie per tutto quello che farete che non sarà un tour ma sarà proprio molto impegnativo. Che la vostra parola aiuti sempre ad unirci al mondo e anche mi raccomando: date questo messaggio di pace”.

Alle 3.35 le autorità coreane sono salite a bordo per accogliere il Papa. Lui è sceso lentamente dalla scaletta dell’aereo, ha stretto la mano alla Geun-hye e ha discusso con lei per pochi secondi. Poi due bambini coreani vestiti con abiti tradizionali gli hanno offerto una composizione floreale, mentre per festeggiare l’inizio della visita funzionari dell’esercito hanno fatto esplodere colpi di cannone in suo onore. Per Papa Francesco si tratta del primo viaggio in un paese asiatico.

Le autorità ed il popolo coreano hanno mostrato grande cordialità e gentilezza. Nonostante i cattolici siano solo l’11% della popolazione, l’intero paese ha mostrato grande attesa per la visita di questo Papa.

Il Vescovo di Roma ha quindi salutato uno ad uno le autorità governative e i rappresentanti delle diverse categorie sociali del Paese ai quali si è rivolto in spagnolo puntualmente assistito da un prete coreano che gli farà da interprete durante l’intero soggiorno. Non ha mancato poi di distribuire come sempre ampi sorrisi e affettuosi saluti ai presuli e ai fedeli presenti all’aeroporto. Il Santo Padre è poi salito su un’auto nera, una Kia Soul, poco più che un utilitaria per dirigersi verso la Nunziatura dove celebrerà una Messa in privato. Ha quindi abbassato il finestrino per salutare chiunque incontrava durante il tragitto. 

La stampa coreana ha salutato l’arrivo del Pontefice con titoli titoli del tipo: “Questo è il Papa Pastore dei deboli”. Proprio questo è infatti l’aspetto che maggiormente sembra aver colpito il popolo asiativco: un Papa particolarmente vicino ai poveri e agli emarginati.

Sicuramente le strade per aspettare il Papa non sono affollate come quelle di Rio de Janeiro, ma sono tanti i gruppi sparsi che lo salutano. C’è entusiasmo e le misure di sicurezza sono molto rigide, sia per i giornalisti che per i fedeli. Si presume che esse condizioneranno i numeri della partecipazione agli incontri del Pontefice.

About Antonio Gaspari

Cascia (PG) Italia Studi universitari a Torino facoltà di Scienze Politiche. Nel 1998 Premio della Fondazione Vittoria Quarenghi con la motivazione di «Aver contribuito alla diffusione della cultura della vita». Il 16 novembre del 2006 ho ricevuto il premio internazionale “Padre Pio di Pietrelcina” per la “Indiscutibile professionalità e per la capacità discreta di fare cultura”. Il Messaggero, Il Foglio, Avvenire, Il Giornale del Popolo (Lugano), La Razon, Rai tre, Rai due, Tempi, Il Timone, Inside the Vatican, Si alla Vita, XXI Secolo Scienza e Tecnologia, Mondo e Missione, Sacerdos, Greenwatchnews. 1991 «L'imbroglio ecologico- non ci sono limiti allo sviluppo» (edizioni Vita Nuova) . 1992  «Il Buco d'ozono catastrofe o speculazione?» (edizioni Vita Nuova). 1993 «Il lato oscuro del movimento animalista» (edizioni Vita Nuova). 1998 «Los Judios, Pio XII Y la leyenda Negra» Pubblicato da Planeta in Spagna. 1999 «Nascosti in convento» (Ancora 1999). 1999 insieme a Roberto Irsuti il volume: «Troppo caldo o troppo freddo? - la favola del riscaldamento del pianeta» (21mo Secolo). 2000 “Da Malthus al razzismo verde. La vera storia del movimento per il controllo delle nascite” (21mo Secolo, Roma 2000). 2001 «Gli ebrei salvati da Pio XII» (Logos Press). 2002 ho pubblicato tre saggi nei volumi «Global Report- lo stato del pianeta tra preoccupazione etiche e miti ambientalisti» (21mo Secolo, Roma 2002). 2002 ho pubblicato un saggio nel nel Working Paper n.78 del Centro di Metodologia delle scienze sociali della LUISS (Libera Università Internazionale degli Studi Sociali Guido Carli di Roma) «Scienza e leggenda, l’informazione scientifica snobbata dai media». 2003 insieme a VittorFranco Pisano il volume “Da Seattle all’ecoterrorismo” (21mo Secolo, Roma 2003). 2004 ho pubblicato insieme a Riccardo Cascioli “Le Bugie degli Ambientalisti” (Edizioni Piemme). 2004 coautore con del libro  “Emergenza demografia. Troppi? Pochi? O mal distribuiti?” (Rubbettino editore). 2004 coautore con altri del libro “Biotecnologie, i vantaggi per la salute e per l’ambiente” ((21mo Secolo, Roma 2004). 2006 insieme a Riccardo Cascioli “Le Bugie degli Ambientalisti 2” (Edizioni Piemme). 2008 insieme a Riccardo Cascioli il libro “Che tempo farà… Falsi allarmismi e menzogne sul clima (Piemme). 2008, è stata pubblicata l’edizione giapponese de “Le bugie degli ambientalisti” edizioni Yosensha. 2009. insieme a Riccardo Cascioli “I padroni del Pianeta – le bugie degli ambientalisti su incremento demografico, sviluppo globale e risorse disponibili” (Piemme). 2010 insieme a Riccardo Cascioli, è stato pubblicato il volume “2012. Catastrofismo e fine dei tempi” (Piemme). 2011 Questo volume è stato pubblicato anche in Polonia con l’imprimatur della Curia Metropolitana di Cracovia per le e3dizioni WYDAWNICTTWO SW. Stanislawa BM.

Share this Entry

Sostieni ZENIT

Se questo articolo ti è piaciuto puoi aiutare ZENIT a crescere con una donazione