Dona Adesso

Il Movimento per la Vita sostiene l’obiezione di coscienza

Il presidente Gigli annuncia che sarà offerto supporto legale al dott. Felis, ginecologo rinviato a giudizio per aver rifiutato l’ecografia a due ragazze che aveva assunto la pillola abortiva

“Il Movimento per la Vita Italiano offrirà supporto legale al dottor Salvatore Felis, il medico ginecologo dell’ospedale San Martino di Genova, rinviato a giudizio dal gup Silvia Carpanini per essersi rifiutato di fare l’ecografia a due ragazze che avevano assunto la pillola abortiva perché obiettore di coscienza”. Lo rende noto con un comunicato l’on. Gian Luigi Gigli, Presidente del Movimento per la Vita.

“L’azione del gup – sottolinea Gigli – costituisce l’ennesimo atto di intimidazione nei confronti di medici obiettori, già discriminati sul lavoro, in particolare nei consultori e nell’accesso alle posizioni apicali”. Secondo il presidente del Mpv, “l’obiezione di coscienza rispetto all’aborto si riferisce chiaramente a tutte le procedure che hanno a che fare con l’interruzione di gravidanza e viene meno solo in caso di necessità ed urgenza, per proteggere la salute della donna, non già per verificare l’andamento della procedura, in questo caso di aborto chimico”.

Pertanto – conclude Gigli – “una magistratura che coartasse il diritto all’obiezione di coscienza favorirebbe, anche involontariamente, l’evoluzione della nostra democrazia verso un sistema autoritario, sia pure politicamente corretto”.

About Redazione

Share this Entry

Sostieni ZENIT

Se questo articolo ti è piaciuto puoi aiutare ZENIT a crescere con una donazione