Dona Adesso

Il Centro Oratori Romani presenta “Tutti in CORo”

Sabato a Santa Croce in Gerusalemme, primo concerto di raccolta fondi a favore dell’associazione

Sabato 12 Marzo, dalle ore 20.30, nella splendida basilica di Santa Croce in Gerusalemme in Roma, il Centro Oratori Romani organizza un concerto di canti sacri e musiche dal mondo per raccogliere dei fondi a favore dell’associazione.

Il COR (Centro Oratori Romani), fondato nel 1945 dal laico Arnaldo Canepa allo scopo di promuovere la pastorale oratoriana, è presente sul territorio da 70 anni. A servizio delle parrocchie, l’associazione offre sostegno nella formazione dei catechisti e animatori, nell’organizzazione dell’oratorio feriale e festivo, nel suggerimento di programmi e metodi.

Il concerto avrà luogo nella cornice della chiesa giubilare di Santa Croce in Gerusalemme dove si potrà ascoltare un repertorio di canti sacri come il Gloria dalla Misa Criolla di Ramirez o l’Ave Maria Verbum Panis e musiche dal mondo come Babayetu, la preghiera del Padre Nostro in lingua swaili. Verrà eseguito per la prima volta il Te Deum Misericordiae composto dal Maestro Alessandro Bonanno in occasione dell’anno giubilare.

Si esibiranno il neo nato coro interno all’associazione “Corale degli Oratori Romani”, i cori dell’Associazione Piccoli Cantori di Torrespaccata (Pueri Cantores, Iuvenes Cantores e Nonsolocoro) diretti da Paula Gallardo e Antonio Orsini e il coro della Schola Cantorum della Libera Accademia di Roma diretto da Giovanni Gava.

L’obiettivo della raccolta fondi è duplice: una parte dei fondi sarà devoluta agli oratori associati per agevolarli nello svolgimento delle proprie opere di pastorale e una parte dei fondi sarà impiegato per finanziare la pubblicazione della nuova biografia del fondatore dell’associazione, Arnaldo Canepa.

Si tratta di un anno importante per l’associazione che celebra il 50° anniversario della nascita al cielo del suo fondatore Arnaldo Canepa: affinché la sua vita sia sempre di esempio per chi si spende nel servizio dei più piccoli. Per il COR, la figura di Canepa è un dono per la Chiesa e la città di Roma e quindi non vuole tenere privata la devozione del Servo di Dio.

È tempo dunque che l’anonima santità di Canepa, di cui il COR conosce e professa la fama, sia proposta a tutti. Nel programma delle celebrazioni abbiamo l’apertura di un sito web www.arnaldocanepa.org, la creazione di un testo teatrale su Canepa, incontri per i soci con personalità che hanno conosciuto il fondatore e con il nuovo postulatore, inoltre pellegrinaggi e gruppi di preghiera. Il concerto del 12 Marzo si inserisce nelle celebrazioni del 50esimo e ha come obiettivo la promozione della figura di Canepa e il finanziamento per la pubblicazione della sua nuova biografia.

About Redazione

Share this Entry

Sostieni ZENIT

Se questo articolo ti è piaciuto puoi aiutare ZENIT a crescere con una donazione