Dona Adesso

Il Cardinal Rigali, inviato speciale del Papa in Repubblica Ceca

Al bicentenario di San Giovanni Nepomuceno Neumann

di Anita S. Bourdin

CITTA’ DEL VATICANO, martedì, 14 giugno 2011 (ZENIT.org).- In occasione delle celebrazioni del bicentenario della nascita di San Giovanni Nepomuceno Neumann, Papa Benedetto XVI ha scelto il Cardinale Justin Francis Rigali, Arcivescovo di Philadelphia (Stati Uniti), come suo inviato speciale.

Il santo è stato proprio Arcivescovo di Philadelphia. Ceco, apostolo degli emigrati dell’Europa Centrale negli Stati Uniti, è stato il primo nordamericano canonizzato, da Papa Paolo VI, nel 1977.

Le celebrazioni avranno luogo a Prachatice sabato 18 giugno. Il Cardinal Rigali sarà accompagnato dall’abate Zdenek Mares, decano della Cattedrale di Prachatice, e dall’abate Vlastimil Krocil, membro del capitolo della Cattedrale.

Il 5 gennaio, il martirologio romano dice che a Philadelphia, in Pennsylvania, nel 1860 San Giovanni Nepomuceno Neumann, Vescovo e membro della Congregazione del Santissimo Redentore, accorse in aiuto degli immigrati poveri, e con la sua azione, i suoi consigli e la sua carità promosse la formazione cristiana dei bambini.

L’ordinazione sacerdotale di questo giovane diacono originario della Boemia (1811-1860) venne rimandata fino alla fine dei suoi studi di Teologia, che compì a Praga, visto il numero troppo alto di seminaristi chiamati al sacerdozio.

Si recò poi in Francia, a Strasburgo, e si unì a un progetto di missione per l’America. In seguito si imbarcò, solo e povero, verso New York.

Il Vescovo della città lo ordinò sacerdote nel 1836, e dopo quattro anni di ministero nella regione delle cascate del Niagara entrò nella Congregazione dei Redentoristi.

Nel 1852, dopo aver ricoperto vari incarichi nella sua Congregazione, venne eletto Vescovo di  Philadelphia.

Considerava la formazione dei giovani una priorità, lavorò alla costruzione di nuove chiese e si dedicò alle opere di carità.

Non aveva ancora compiuto 49 anni quando contrasse una malattia e morì.

[Traduzione dallo spagnolo di Roberta Sciamplicotti]

About Redazione

Share this Entry

Sostieni ZENIT

Se questo articolo ti è piaciuto puoi aiutare ZENIT a crescere con una donazione