Dona Adesso
Confessional and Penitence

www.flickr.com/photos/theologhia

I piccoli e la confessione

È più contento Gesù quando ci perdona che noi stessi quando siamo perdonati

Quando il bambino arriva per confessarsi, lo guardo bene in faccia, interessato a lui, gli dico un “ciao” cordiale, che lui gustosamente ricambia.

Poi, per entrare decisamente nella vera bellezza del sacramento della confessione, con vivo interesse gli domando, chiamandolo per nome: “Dario, sai quanto ti ama Gesù?”. A questa domanda accadono cose meravigliose dentro il bambino, che per prima cosa si fa serio, poi riflessivo, poi sorridendo compiaciuto e guardandoti bene in faccia, quasi a chiederti di condividere la sua gioiosa scoperta, risponde: “Tanto, tanto…”.

Non contento di questa risposta, mostrandogli tutta la mia fede nell’amore di Dio, insisto: “Di più, di più…”.

Allora senti che il piccolo penitente, vibrando di una gioia più grande, ti dice con le parole più impensate, che Gesù lo ama “infinitamente, immensamente, all’infinito”; oppure, allargando del tutto le sue braccine, esclama gioioso: “Mi ama tanto così…”

A questo punto lo ritengo sufficientemente pronto a confessarsi e gli domando: “Allora, a Gesù, che ti ama così tanto, di che cosa gli chiedi perdono?”.

Il piccolo Dario, subito alla luce dell’amore di Gesù può vedere con serena obbiettività le sue mancanze, i suoi peccatucci che confessa con gioiosa riconoscenza per la certezza del perdono ottenuto.

Mi sembra che dal suo modo di confessarsi scopra e sappia che è più contento Gesù a perdonarlo che lui stesso ad essere perdonato.

Tempo fa, la mia felice sorpresa si è completata quando il piccolo “penitente”, andandosene, mi garantì gioiosamente che lo avrebbe detto anche alla mamma e al papà.

Ciao da p. Andrea

***

Per richiedere copie dei libretti di padre Andrea Panont e per ogni approfondimento si può cliccare qui.

 

About Andrea Panont

Share this Entry

Sostieni ZENIT

Se questo articolo ti è piaciuto puoi aiutare ZENIT a crescere con una donazione