Dona Adesso
Entrance door

Pixabay CC0 - hamarandrea90

Ho bussato tre volte

Il cuore pronto ad amare è una porta sempre spalancata per lo Sposo che, in casa sua, può e ha diritto di entrare senza bussare

Alla sera d’un giorno cadenzato dal febbrone, mando un messaggio ad Angelo: “Puoi venire a misurarmi la pressione?”.

Sul tardi arriva e… “T’aspettavo da stamattina – lo investo con un tono di malcelata pretesa”.

“Oggi sono passato tre volte, risponde Angelo…; tre volte ho bussato alla tua porta, ma tu non c’eri”.

“Eppure io sono sempre rimasto nella mia stanza…Chissà perché non ho sentito?! forse dormivo; forse ascoltavo la radiolina con la cuffia…; forse hai bussato troppo debolmente; forse…; comunque la prossima volta, entra senz’altro…sfonda”.

Angelo m’ha fatto capire la sua delicatezza: “Non oso mai bussare troppo forte; piuttosto preferisco bussare più volte, busso delicatamente e sto alla porta ad attendere che tu apra. Tornerò anche domani”.

Perché non passasse invano e per avere la certezza di ricevere il necessario soccorso medico, all’indomani ho vissuto il “vigilate”: ho lasciato la porta spalancata; non mi sono distratto alla radiolina e ho tenuto la luce accesa.

“Beati coloro che troverà con le lucerne accese – così si esprime un canto-gen -; beati coloro che troverà col cuore pronto ad amar”.

Non è importante che Lui, al suo arrivo, mi trovi in convento, sull’altare, in chiesa a salmeggiare o mi sorprenda in atteggiamenti clericali…; è invece urgente e unicamente necessario che mi trovi con il “cuore pronto ad amar”.

Il cuore pronto ad amar è una porta sempre spalancata per lo Sposo che, in casa sua, può e ha diritto di entrare senza bussare.

Ciao da p. Andrea

***

Per richiedere copie dei libretti di padre Andrea Panont e per ogni approfondimento si può cliccare qui.

 

About Andrea Panont

Share this Entry

Sostieni ZENIT

Se questo articolo ti è piaciuto puoi aiutare ZENIT a crescere con una donazione