Dona Adesso

Angelus fine Giubileo -Foto © ZENIT (RLG)

Giubileo. Mons. Gallagher: “Grazie al governo italiano per l’impegno”

Il Segretario per i Rapporti con gli Stati ha incontrato alla Farnesina, il ministro degli Esteri, Gentiloni

Buoni rapporti tra Italia e Santa Sede ed una comune visione, in particolare sullo scenario mediorientale. È quanto è emerso oggi dall’incontro tra il Segretario per i Rapporti con gli Stati, monsignor Paul Richard Gallagher, e il ministro degli Esteri, Paolo Gentiloni.

Durante il colloquio avvenuto alla Farnesina, il rappresentante vaticano ha espresso apprezzamento anche per la gestione del Giubileo da parte delle autorità italiane. Tra gli altri temi affrontati: la crisi migratoria, la guerra in Siria e in Iraq, i cristiani perseguitati

Le consultazioni tra Italia e Santa Sede “sono periodiche e, come sempre, sono anche l’occasione non solo per confermare i rapporti di straordinaria vicinanza e amicizia, ma anche per scambiare valutazioni” sugli scenari internazionali “e mettere in pista possibili azioni diplomatiche comuni”, ha dichiarato Gentiloni durante la conferenza stampa a margine dell’incontro.

Quanto alla “questione migratoria”, il Ministro degli Esteri ha auspicato che “l’Unione Europea rispetti gli impegni che ha preso” e adotti una “strategia di lungo periodo”, agendo sulle “cause profonde dell’immigrazione”, in particolare dall’Africa.

Da parte sua, monsignor Gallagher ha “colto l’occasione odierna per esprimere il sentito ringraziamento della Santa Sede al governo italiano per il considerevole sforzo messo in atto per la buona riuscita del Giubileo della misericordia, avendo efficacemente coordinato a questo fine l’azione dello Stato e quella, anch’essa meritoria, degli enti locali coinvolti”.

Il Segretario per i Rapporti con gli Stati ha quindi accennato all’incontro di ieri tra papa Francesco e il presidente del Vietnam, esprimendo soddisfazione per la nuova legge sulla religione, alla cui preparazione ha contribuito anche la conferenza episcopale vietnamita. “Evidentemente, come in tutti i rapporti, ci sono talvolta difficoltà, problemi, a volte qualche tensione, però siamo in grado adesso di discutere e mantenere un dialogo su queste cose”, ha poi concluso Gallagher.

About Redazione

Share this Entry

Sostieni ZENIT

Se questo articolo ti è piaciuto puoi aiutare ZENIT a crescere con una donazione