Dona Adesso

“Bakhita Empowerment” Centro per donne, vittime della tratta di esseri uman in Lagos - Foto © Sovrano Militare Ordine Ospedaliero di San Giovanni di Gerusalemme di Rodi e di Malta

Giornata internazionale contro la tratta di esseri umani – Ordine di Malta: tenere alta attenzione su fenomeno

Il Grande Ospedaliere: in aumento bande criminali dedite al traffico – Comunicato Stampa del Sovrano Militare Ordine Ospedaliero di San Giovanni di Gerusalemme di Rodi e di Malta

In occasione della Giornata internazionale contro la tratta di esseri umani, che si celebra il 30 luglio, il Sovrano Ordine di Malta accende i riflettori sulla crescita del fenomeno in tutto il mondo. Un fenomeno che vede donne e bambini come principali vittime. Gli ultimi dati dell’Organizzazione Internazionale del Lavoro sono senza appello: sono 21 milioni le persone costrette al lavoro forzato, tra cui lo sfruttamento sessuale. Secondo il rapporto sul traffico di esseri umani dell’Ufficio delle Nazioni Unite contro la Droga e il Crimine (UNODC), con sede a Vienna, quasi un terzo delle vittime sono minori e oltre il 70% del totale è costituito appunto da donne e bambine.

Negli ultimi anni, l’Ordine di Malta ha rafforzato la sua azione per contrastare questa terribile piaga. I suoi due ambasciatori “At Large” stanno sviluppando progetti volti a proteggere le vittime di tratta, a rafforzare partnership con organizzazioni locali da tempo dedite alla lotta contro il traffico di esseri umani e al contempo sono impegnati a tenere alta l’attenzione della comunità internazionale.

“Il fenomeno è molto preoccupante. Le bande criminali che si dedicano a questo odioso business sono in aumento. I bambini sono “la merce” che vale di più sul mercato: molte famiglie sono disposte a pagare cifre esose per garantire un futuro migliore ai propri figli, mettendoli in mano a trafficanti senza scrupoli per portarli lontano da guerre e povertà”, avverte il Grande Ospedaliere dell’Ordine di Malta, Dominique de La Rochefoucauld-Montbel, da oltre 5 anni responsabile dei progetti medico sociali dell’Ordine in 120 paesi del mondo.

Al tempo stesso – aggiunge il Grande Ospedaliere – sono le bande di trafficanti che, approfittando di povertà e miseria, sottraggono i figli alle loro famiglie in cambio di denaro.

Nel mese di marzo, a Lagos, in Nigeria, è stata inaugurato il centro Bakhita, una casa di accoglienza per donne vittime di tratta. Un primo passo che, nelle intenzioni dell’Ordine di Malta, porterà ad una presenza più incisiva nel territorio nigeriano, uno dei paesi maggiormente coinvolti nella tratta di uomini e donne in quanto luogo di partenza, di transito e di destinazione. Il centro, oltre ad offrire alloggio e sostegno psicologico alle vittime, organizza percorsi lavorativi per agevolare il reinserimento delle vittime nella società. Oltre al dramma dello sfruttamento, queste donne vivono spesso anche il trauma rappresentato dal rigetto da parte delle famiglie e della comunità.

Nell’ambito dell’impegno a livello diplomatico, il prossimo 8 ottobre, l’Ordine di Malta organizzerà inoltre una conferenza a Parigi con l’obiettivo di rafforzare la collaborazione con le organizzazioni locali impegnate sul fronte della lotta alla tratta e le agenzie umanitarie. Scopo della conferenza, che porterà toccanti testimonianze di donne vittime di sfruttamento, anche quello di affinare le politiche di sostegno e di protezione delle vittime in Europa e mettere in luce gli accordi intergovernativi tra Francia e Nigeria in tema di tratta per individuare le “best practices”.

*

Il Sovrano Militare Ordine Ospedaliero di San Giovanni di Gerusalemme di Rodi e di Malta, fondato a Gerusalemme intorno all’anno 1048, è ente primario di diritto internazionale ed Ordine religioso cattolico laicale. La missione dell’Ordine è di testimoniare la fede e servire i poveri e gli ammalati. Oggi l’Ordine di Malta opera principalmente nell’ambito dell’assistenza medico sociale e degli interventi umanitari, svolgendo la propria attività in oltre 120 paesi. Insieme ai suoi 13.500 membri, operano 80.000 volontari, coadiuvati da oltre 42.000 tra medici, infermieri e ausiliari paramedici. L’Ordine gestisce ospedali, centri medici, ambulatori, istituti per anziani e disabili, centri per i malati terminali, corpi di volontari. Il Malteser International, la speciale agenzia di soccorso dell’Ordine di Malta, è sempre in prima linea nelle calamità naturali e per ridurre le conseguenze dei conflitti armati. L’Ordine è attualmente impegnato nei paesi confinanti la Siria e l’Iraq per prestare soccorso alla popolazione in fuga dalle violenze. Il Corpo italiano di Soccorso dell’Ordine di Malta partecipa ai soccorsi medici di barconi carichi di migranti nello Stretto di Sicilia, affiancando le autorità italiane L’Ordine di Malta è neutrale, imparziale e apolitico. Ha rapporti diplomatici bilaterali con 108 Stati, relazioni ufficiali con 6 altri Stati, relazioni a livello di ambasciatore con l’Unione Europea. È Osservatore permanente presso le Nazioni Unite e le sue agenzie specializzate e ha rappresentanze presso le principali Organizzazioni Internazionali. Dal 1834 la sede del Governo del Sovrano Ordine di Malta è a Roma, dove ha garanzie di extraterritorialità.

About Redazione

Share this Entry

Sostieni ZENIT

Se questo articolo ti è piaciuto puoi aiutare ZENIT a crescere con una donazione