Dona Adesso

Giordania: fronte unito tra musulmani e cristiani contro il terrorismo

In un discorso alla Nazione, re Abdallah II ha detto che il suo Paese “è più forte e più grande di quegli spiriti senza fede” che attendono il momento per attaccarlo

La Giordania quale modello di convivenza interreligiosa e di lotta al terrorismo. Così descrive il suo Paese re Abdallah II, in un discorso alla Nazione trasmesso ieri dalle emittenti giordane. “In una regione scossa da conflitti etnici e settari e soprattutto dal terrorismo – ha detto – vivendo fianco a fianco, in fraternità e in solidarietà come una sola famiglia, musulmani e cristiani, cittadini di origini diverse, tutti siamo pronti a compiere il nostro dovere”.

Il monarca hascemita ha dunque stigmatizzato chi strumentalizza l’Islam compiendo violenze. “L’Islam – la sua riflessione – non è una fede di fazioni e partiti, né deve essere ridotto a una semplice dicotomia di estremismo contro moderazione. L’Islam è una fede di unità, giustizia e pace, e coloro che deviano, uccidono, torturano e violano tutto ciò che è sacro, sono loro i nemici dell’Islam”.

Malgrado la minaccia jihadista prema al confine, re Abdallah II ha voluto rassicurare i suoi cittadini. “Di volta in volta – ha spiegato – la Giordania ha dimostrato che è più forte e più grande di quegli spiriti senza fede, che nutrono cattivi propositi verso il Paese e attendono il momento opportuno per attaccarlo e indebolirlo in ogni modo possibile”. Il Re ha ricordato quindi che “ogni volta che siamo stati messi alla prova, ne siamo usciti più forti”.

About Redazione

Share this Entry

Sostieni ZENIT

Se questo articolo ti è piaciuto puoi aiutare ZENIT a crescere con una donazione