Dona Adesso

Pixabay CC0 - kloxklox_com, Public domain

Gesù è l’inviato e il testimone del Padre

Meditazione quotidiana sulla Parola di Dio — Gv 5,31-47

Lettura

La risposta di Gesù nella polemica sulla guarigione del paralitico è dettata da un motivo giuridico; infatti, poiché la testimonianza propria non è valida, né in ambiente giudaico, né in quello ellenistico, il Maestro ne adduce tre: quella del Battista, quella delle opere e quella delle Scritture. Nel loro insieme costituiscono la testimonianza del Padre a favore del Figlio e la sua legittimazione come Inviato. Giovanni ha dato testimonianza alla verità, proclamando la rivelazione che ha ricevuto come inviato di Dio. Giovanni era solo un uomo, mentre Gesù può contare su un’altra, più grande, costituita dalle opere che il Padre gli ha dato da portare a compimento nei segni e nell’opera suprema della morte-glorificazione. Gesù agisce in perfetta sintonia con il Padre che lo ha mandato.

Meditazione

Le testimonianze su Gesù non avevano valore solo per i suoi contemporanei; esse sono attestazioni sempre valide e preziose anche per noi. Il primo testimone è Giovanni Battista. Egli, inviato da Dio come “testimone della luce”, perché tutti credessero per mezzo di lui, riconobbe in Gesù “l’Agnello di Dio che toglie il peccato del mondo”. L’altra testimonianza è offerta dalle Scritture, che attestano la conformità al disegno di Dio di tutta la vita terrena di Gesù e, in particolare, della sua passione e risurrezione, umanamente impossibili da prevedere. La testimonianza più importante è quella del Padre: “le opere che il Padre mi ha dato da compiere, testimoniano di me che il Padre mi ha mandato”. È grazie all’unione del Padre con il Figlio nelle opere che si rivela veramente la filiazione divina di Gesù. Il Padre dà le sue opere al Figlio perché egli le compia; e Gesù, compiendo queste opere, si manifesta come Figlio di Dio. I Giudei non hanno mai ascoltato la voce del Padre, il suo volto non è stato mai oggetto di visione, né la sua parola rimane in loro, perché non credono a colui che egli ha mandato. Rifiutando la fede in colui che egli ha mandato, rifiutano anche la parola del Padre. Lo stesso “scrutare le Scritture” diventa vano, perché esse, come “parola di Dio” rendono testimonianza a Gesù. Tutto questo atteggiamento di rifiuto è mancanza, insieme, di fede e di buona volontà. Il motivo ultimo sta nella ricerca di sé, di una sicurezza fondata sull’onore, che si riceve dagli altri. La costatazione di Gesù è estremamente grave: «Non avete in voi l’amore di Dio», nel duplice senso di “non amate Dio” e di mancanza dell’amore di Dio come dono e principio dinamico della vita nuova.

Preghiera

Donaci, o Padre, di accogliere nella fede le testimonianze sul tuo Figlio Gesù, perché, credendo nel suo nome, abbiamo la vita.

Agire

Vivendo nella società contemporanea, i cristiani, con la coerenza di vita, sono chiamati a divenire testimoni del Risorto.

Meditazione del giorno a cura di monsignor Francesco Pio Tamburrino, Arcivescovo emerito di Foggia-Bovino, tratta dal mensile “Messa Meditazione”, per gentile concessione di Edizioni ART. Per abbonamenti info@edizioniart.it

About Redazione

Share this Entry

Sostieni ZENIT

Se questo articolo ti è piaciuto puoi aiutare ZENIT a crescere con una donazione