Dona Adesso

Gaza: le armi “tacciono” per 12 ore

Scattata oggi la tregua umanitaria tra Israele e Hamas, mentre a Parigi proseguono i colloqui per un cessate il fuoco più duraturo

È scattata, alle 7 del mattino (ora locale) di oggi, 26 luglio, la tanto agognata tregua umanitaria sulla Striscia di Gaza. Nonostante gli interventi del segretario generale dell’Onu Ban Ki-moon e del segretario di Stato Usa John Kerry, non si tratta di un cessate il fuoco di lunga durata, per il quale non si è trovato l’accordo tra le parti; le armi taceranno soltanto per dodici ore.

Durante questo lasso di tempo le organizzazioni umanitarie presenti nella Striscia cercheranno di approvvigionare la popolazione palestinese con cibo e acqua e gli ospedali con farmaci. In un comunicato dell’Oxfam di qualche giorno fa, si leggeva: “Le scorte di molti farmaci di base sono finite e personale medico e pazienti non riescono ad accedere agli ospedali e alle cliniche a causa degli attacchi”.

Israele proseguirà invece il suo impegno militare, sebbene senza l’utilizzo dell’artiglieria. È stato infatti ordinato ai civili di Gaza di non far rientro nelle loro case, in quanto gli uomini dell’esercito israeliano continueranno la ricerca di tunnel, depositi di armi e basi offensive di Hamas anche tra le abitazioni civili. Israele ha giustificato il rifiuto di una tregua di una settimana proprio con l’intento di eliminare tutte le potenziali basi nemiche.

Fino a poco prima dell’inizio della tregua, il fuoco israeliano ha provocato la morte di almeno 23 palestinesi. Tra le vittime, un’intera famiglia di diciotto persone, rimasta intrappolata nella sua abitazione a Khuzaa (nella zona meridionale della Striscia), dopo l’attacco dei carri armati di Israele.

La comunità internazionale mantiene il suo impegno per cercare di arrivare a un cessate il fuoco più lungo. Questa mattina, a Parigi, si sta svolgendo un summit tra Kerry e ministri degli Esteri francese Laurent Fabius, tedesco Frank-Walter Steinmeier, britannico Philip Hammond e l’italiana Federica Mogherini.

About Redazione

Share this Entry

Sostieni ZENIT

Se questo articolo ti è piaciuto puoi aiutare ZENIT a crescere con una donazione