Dona Adesso

Commons Wikimedia

Gaudì. L’uomo, l’artista, il cristiano: se ne parla a Belluno

Venerdì 16 settembre, la presentazione del libro del cardinale Sistach presso il Centro Papa Luciani di Santa Giustina

Gaudí. L’uomo, l’artista, il cristiano è il titolo del libro che l’autore, l’arcivescovo emerito di Barcellona, card. Lluis Martinez Sistach, presenterà venerdì 16 settembre alle 20.30 presso il Centro Papa Luciani di Santa Giustina (Belluno), nell’ambito della rassegna culturale Illustrissimi, curata da Michelangelo De Donà, dell’Università degli Studi di Pavia.

Il volume contiene delle riflessioni sulla basilica della Sagrada Familia, il maestoso monumento situato nel cuore di Barcellona e consacrato alla Santa Famiglia di Nazaret. Si sofferma inoltre sulla figura di Antoni Gaudí, il geniale architetto che seppe infondere in questo luogo sia la più pura espressione del suo talento sia la sua fervente fede cristiana

Gaudí ebbe l’intuizione di portare fuori, sulle tre facciate della basilica, i retabli, quelle che in spagnolo sono le pale d’altare, raffiguranti i momenti più importanti della fede cristiana, prefigurando la proposta di papa Francesco di “una Chiesa in uscita”, di uscire dalle chiese per andare verso le periferie.

Benedetto XVI fece la sua visita nel 2010 per celebrare la dedicazione del tempio, mentre Papa Francesco, nel 2013, ha scelto la basilica della Sagrada Familia di Barcellona quale uno dei tre templi maggiori del mondo per i pellegrinaggi e per le preghiere delle famiglie.

L’itinerario artistico e spirituale della Basilica della Sagrada Família verrà offerto al pubblico dal cardinale Martínez Sistach come valido e competente sussidio per conoscere un’opera architettonica e artistica che segna la storia dell’umanità.

Il Cardinale Lluís Martínez Sistach, Arcivescovo emerito di Barcellona, è nato a Barcelona il 29 aprile 1937. Ordinato sacerdote nel 1961, nel 1967 ha conseguito il titolo di dottore in diritti canonico alla Pontificia Università Lateranense. Ritornato in Spagna, negli anni ’70 è stato impegnato in diversi ruoli d’insegnamento. Nel 1979 è stato nominato vicario generale di Barcellona. Nel 1987 è stato eletto vescovo titolare di Aliezira e nominato ausiliare di Barcelona. Nel 1991 è stato nominato vescovo di Tortosa e nel 1997 promosso arcivescovo della sede metropolitana di Tarragona. Dal 1990 fino al 2002 è stato presidente della giunta episcopale delle questioni giuridiche della Conferenza episcopale spagnola. È stato trasferito alla sede arcivescovile metropolitana di Barcellona il 15 giugno 2004.

Autore apprezzato di numerosi studi giuridici, ha pubblicato molti lavori su riviste specializzate, attinenti a questioni canoniche e pastorali, soprattutto in riferimento al matrimonio, all’organizzazione della Chiesa e alle relazioni fra Chiesa e Stato. Per nomina pontificia ha partecipato alla III Assemblea Generale Straordinaria del Sinodo dei Vescovi su Le sfide pastorali sulla famiglia nel contesto dell’evangelizzazione (ottobre 2014) e alla XIV Assemblea Generale Ordinaria sul tema La vocazione e la missione della famiglia nella Chiesa e nel mondo contemporaneo (ottobre 2015). Arcivescovo emerito di Barcellona, dal 6 novembre 2015, ha partecipato al conclave del marzo 2013 che ha eletto Papa Francesco. Da Benedetto XVI è stato creato e Cardinale nel Concistoro del 24 novembre 2007, con il Titolo di San Sebastiano alle Catacombe. È Membro del Supremo Tribunale della Segnatura Apostolica; del Pontificio Consiglio per i Testi Legislativi; della Prefettura degli Affari Economici della Santa Sede.

L’iniziativa, che ha ricevuto il patrocinio dell’ambasciata di Spagna in Italia, è organizzata in collaborazione con la Libreria Editrice Vaticana, il Comune di Santa Giustina, RetEventi 2016-Provincia di Belluno-Regione del Veneto, Ordine degli architetti e Fondazione Architettura Belluno Dolomiti, associazione “Fondaco per Feltre”, “Campedel – animatori turistici Belluno”.

 

About Redazione

Share this Entry

Sostieni ZENIT

Se questo articolo ti è piaciuto puoi aiutare ZENIT a crescere con una donazione