Dona Adesso

Pixabay CC0 - Unsplash, Public Domain

Frutti della Parola vissuta

Gesù è luce ai miei passi; cammino sicuro sulla luce della Parola perché Lui è la via.

Spesso accade che ci proponiamo di vivere la parola del vangelo; ma poi ci mettiamo a soppesare le nostre capacità che troviamo ovviamente fragili e deboli, comunque impari di fronte alle esigenze radicali del soprannaturale.

E finiamo per concludere che il vangelo è troppo esigente e che  noi abbiamo tentato di viverlo ma, come sempre, non ci siamo mai riusciti.

A questo punto si entra in una specie di rassegnazione che oserei definire diabolica, perché ti impedisce di riprendere il cammino .

Ciò che invece ci è chiesto da Gesù è di prendere la parola del vangelo, cogliere il significato che la Chiesa le dà e ad occhi chiusi mettersi a viverla. Dico ad occhi chiusi perché se la ragiono all’umana, subito vedo la mia debolezza e neppure tento di viverla.

Ad occhi chiusi perché ciò che Dio mi chiede è sì impossibile alle mie forze, ma S. Paolo mi assicura, ed è verò, che “tutto posso in Colui che mi da forza.”

Ad occhi chiusi mi butto a vivere la Parola perché la Parola è Gesù. Lui è luce ai miei passi; cammino sicuro sulla luce della Parola perché Gesù è la via.

La meraviglia è che  mi ritrovo capace di vivere ciò che umanamente mi sembrava impossibile. Allora scopro che un altro vive in me; è esattamente ciò mi ricorda S.Paolo: “Non son più io che vivo, ma è Gesù che vive in me.”

Ciao da p. Andrea

Per richiedere copie dei libretti di padre Andrea Panont e per ogni approfondimento si può cliccare qui.

About Andrea Panont

Share this Entry

Sostieni ZENIT

Se questo articolo ti è piaciuto puoi aiutare ZENIT a crescere con una donazione