Dona Adesso

“Francesco ti sei chiamato… Amen”: la prima canzone dedicata al Papa argentino

I proventi del brano, pubblicato in 240 paesi, saranno devoluti alla casa di accoglienza per bambini profughi “La Casa del Sorriso di Francesco”

E’ stata appena pubblicata in ben 240 Paesi la prima canzone al mondo dedicata a Papa Francesco con la voce del Santo Padre. “ Francesco ti sei chiamato… Amen”, è il titolo del brano di cui è autore e interprete il regista e show man Maximo De Marco, già creatore della prima televisione dedicata al Papa, il Francisco Ensemble Channel.

Tutti i proventi dalla vendita del disco verranno impiegati per creare una casa di accoglienza denominata “La Casa del Sorriso di Francesco” per i bambini profughi giunti in Italia nei viaggi della speranza di questi ultimi anni. Sono oltre mille i bambini orfani che vivono in condizioni disagiate nel nostro Paese e molti altri continuano ad arrivare sulle nostre coste giorno dopo giorno.

La canzone racconta della conversione di De Marco e dell’arrivo del nuovo Pontefice che lo ha folgorato, come si evince da alcuni passi del testo: “Dal buio alla luce son passato, qualcuno da lassù mi ha guardato… Qualcuno di cui il nome puoi anche non dire, perché va pronunciato nel silenzio del tuo cuore…. E poi sei arrivato tu e il sogno si è avverato… nel cuore ti ho riconosciuto dal primo segno, il tuo saluto”.

La canzone, attraverso musicalità argentine del tango che ricordano le origini di Bergoglio, si prefigge di arrivare dritto al cuore delle nuove generazioni, con l’obiettivo di evangelizzare attraverso la musica.

Il progetto diventerà la sigla ufficiale del Francisco Ensemble World Tour 2014 dedicato al Santo Padre , che attraverserà tutta l’Italia e altri paesi del mondo, insieme ad un cast di giovani artisti. Tra questi: la vincitrice di “The Voice 2013” Elhaida Dani; il protagonista del Musical Romeo & Giulietta, Davide Merlini; Luca Napolitano; Maurizio Lipoli; Manuela Villa; Leda Battisti; Daniele Stefani; Friar Alessandro e molti altri ancora.

About Redazione

Share this Entry

Sostieni ZENIT

Se questo articolo ti è piaciuto puoi aiutare ZENIT a crescere con una donazione