Dona Adesso

Francesco incontrerà il giovane del Guatemala che ha raccolto le firme per invitarlo nel suo paese

Diego Martínez, 16 anni, promotore della campagna “Al Vaticano X Guate” e vincitore del premio Signis, ritirerà il riconoscimento a Roma. In quell’occasione, porterà al Pontefice il milione di firme raccolte

La Santa Sede ha confermato che Papa Francesco, il prossimo 10 dicembre, riceverà in udienza privata Diego Martínez, il giovane sedicenne del Guatemala che ha lanciato una campagna di raccolta firme per chiedere al Papa di visitare il suo paese. 

Il giovane studente di scuola superiore, produttore di Radio Gioventù On Line, è promotore di “Al Vaticano X Guate”, iniziativa nata dopo aver vinto il primo posto nella categoria radio del premio Signis, organizzato dalla Associazione Cattolica Mondiale per la Comunicazione con l’obiettivo di mobilitare i giovani tutto il mondo ad esprimere la propria visione di una cultura di pace.

“Voglio la pace nel mondo” è il nome dello progetto presentato da Diego, il quale riceverà il suo premio a Roma. Il desiderio del giovane è quindi di portare nel suo viaggio un milione di firme e un messaggio di pace con cui chiedere al Santo Padre di visitare il suo paese.

In una conferenza stampa, Martínez ha infatti esortato “il popolo cattolico, i sacerdoti, i religiosi, i pastori, i ministri e cristiani in generale, ad unirci per recuperare la fede e invitare Papa Francesco a visitare il Guatemala”, perché “noi giovani del paese abbiamo bisogno di lui”.

In un messaggio inviato attraverso l’ambasciatore del Guatemala presso la Santa Sede, Alfonso Matta Fahsen, diffuso poi dall’agenzia AciPrensa, il Vaticano ha confermato che il Papa riceverà il giovane.

Ad oggi, la campagna ha raccolto oltre 226.000 firme, e ha in programma attività pubbliche per promuovere una maggiora unione del popolo guatemalteca.

*

Per ulteriori informazioni, cliccare su www.xpresatguate.com o scrivere a xpresatguate@gmail.com

About Redazione

Share this Entry

Sostieni ZENIT

Se questo articolo ti è piaciuto puoi aiutare ZENIT a crescere con una donazione