Dona Adesso

Fontana di Trevi: nuove adesioni all’evento di Aiuto alla Chiesa che Soffre

Confermata la presenza della Regione Lombardia e di alcune testate giornalistiche alla cerimonia di solidarietà per i cristiani perseguitati

Nuove adesioni all’evento che Aiuto alla Chiesa che Soffre organizzerà il prossimo 29 aprile alle 20 a Fontana di Trevi. La Fondazione pontificia investirà la nota fontana romana di fasci di luce rossa a simboleggiare il sangue dei tanti martiri cristiani che oggi, ancor più che nei primi secoli, sono uccisi in odio alla fede.

Dopo un primo cospicuo sostegno di numerose realtà associative, giunge ora l’adesione della Regione Lombardia, che sarà rappresentata a Roma dall’assessore regionale alle Culture, Identità e Autonomie di Regione Lombardia, Cristina Cappellini. «Un’iniziativa importante e di grandissimo significato simbolico come quella di Aiuto alla Chiesa che Soffre – non poteva non avere il nostro pieno e convinto supporto».

Giungono adesioni anche dal mondo dei media. Prima fra tutte quella del quotidiano Avvenire, diretto da Marco Tarquinio. E poi ancora La Nuova Bussola Quotidiana e Padre Pio Tv.

Mentre l’emittente televisiva della Conferenza episcopale italiana, TV2000, ha assicurato la diffusione in diretta dell’evento.

Si aggiungono inoltre nuove realtà associative, quali Forum delle Associazioni Familiari, Fondazione FUCI- Federazione Universitaria Cattolica Italiana e Comitato Nazarat per i cristiani perseguitati in Medio Oriente.

Aiuto alla Chiesa che Soffre rinnova il proprio invito a partecipare all’evento che sarà moderato dalla giornalista di TV2000 Monica Mondo. La serata si aprirà con i saluti Francesco Paolo Tronca, commissario straordinario di Roma Capitale, cui seguiranno l’introduzione del presidente di ACS-Italia, Alfredo Mantovano e l’intervento del presidente internazionale di Aiuto alla Chiesa che Soffre, il Cardinale Mauro Piacenza.

Poi quattro ospiti racconteranno altrettante storie di cristiani uccisi a causa della propria fede. Una loro consorella parlerà delle quattro Missionarie della Carità uccise nello Yemen il 4 marzo scorso. Il ministro per le minoranze religiose del Pakistan ucciso nel 2011, Shahbaz Bhatti, sarà ricordato dal suo amico Professor Shahid Mobeen, Fondatore dell’Associazione Pakistani Cristiani in Italia. Maddalena Santoro racconterà di suo fratello, Don Andrea Santoro, ucciso in Turchia nel 2006. E infine uno studente del Kenya, Luka Loteng, renderà omaggio agli studenti cristiani uccisi a Garissa nell’aprile 2015.

Al termine delle quattro testimonianze Fontana di Trevi si vestirà di rosso per fare da cornice alla testimonianza di monsignor Antoine Audo, vescovo caldeo di Aleppo.

La serata si concluderà con la recita della Preghiera di Pio XII per la Chiesa perseguitata. Mentre per tutta la notte verranno proiettate immagini della persecuzione anticristiana su una Fontana di Trevi tinta del sangue dei martiri cristiani.

 

About Redazione

Share this Entry

Sostieni ZENIT

Se questo articolo ti è piaciuto puoi aiutare ZENIT a crescere con una donazione