Dona Adesso

Udienza Generale (17/04/2019) - Foto © Servizio Fotografico - Vatican Media

Firma dell’Accordo Quadro tra la Santa Sede e la Repubblica di Angola

Venerdì, 13 settembre 2019, è avvenuta la cerimonia della firma

Venerdì 13 settembre 2019, presso la Sala dei Trattati del Palazzo Apostolico Vaticano, è avvenuta la cerimonia della firma dell’Accordo Quadro tra la Santa Sede e la Repubblica di Angola.

Per la Santa Sede, in presenza dell’Em.mo Cardinale Pietro Parolin, Segretario di Stato, ha firmato Sua Eccellenza Mons. Paul Richard Gallagher, Segretario per i Rapporti con gli Stati, e per l’Angola S.E. il Sig. Manuel Domingos Augusto, Ministro degli Affari Esteri.

Hanno assistito al solenne atto:

per parte della Santa Sede: S.E. Mons. Filomeno do Nascimento Vieira Dias, Arcivescovo di Luanda e Presidente della Conferenza episcopale di Angola e São Tomé; S.E. Mons. José Manuel Imbamba, Arcivescovo di Saurimo e Vice-Presidente della medesima Conferenza; Mons. Robert Murphy, Mons. Vincenzo Turturro e Mons. Mislav Hodžić, Consiglieri di Nunziatura presso la Segreteria di Stato; Mons. Ivan Santus, Segretario di Nunziatura presso la Segreteria di Stato;

per parte dell’Angola: S.E. Sig.ra Maria da Piedade de Jesus, Ministro della Cultura; S.E. Maria de Fátima Republicano de Lima Viegas, Segretaria per gli Affari Sociali del Presidente della Repubblica; S.E. Vicência Ferreira Morais de Brito, Direttore della Sezione Europa del Ministero degli Affari Esteri; S.E. António Ramos da Cruz, Direttore per gli Affari Legali e Contenziosi; S.E. Paulino Domingos Baptista, Ambasciatore della Repubblica di Angola presso la Santa Sede; Sig. Francisco de Castro Maria, Direttore Nazionale per gli Affari Religiosi; Sig.ra Emilia Fernandes da Piedade, Direttore Aggiunto del Gabinetto del Ministro degli Affari Esteri; Sig.ra Neusa da Conceição Tenete António, Segretaria del Ministro degli Affari Esteri.

L’Accordo Quadro, redatto in lingua italiana e portoghese e composto da un preambolo e 26 articoli, definisce il quadro giuridico delle relazioni tra la Chiesa cattolica e lo Stato angolano. In particolare, viene riconosciuta la personalità giuridica pubblica della Chiesa e delle sue Istituzioni, nonché il libero esercizio della sua missione apostolica e il suo contributo specifico nelle diverse aree della vita sociale.

Le due Parti, pur salvaguardando l’indipendenza e l’autonomia che sono loro proprie, si impegnano a collaborare per il benessere spirituale e materiale della persona umana, così come per la promozione del bene comune. L’Accordo entrerà in vigore con lo scambio degli Strumenti di Ratifica.

About Redazione

Share this Entry

Sostieni ZENIT

Se questo articolo ti è piaciuto puoi aiutare ZENIT a crescere con una donazione