Dona Adesso

Pixabay CC0 - condesign, Public Domain

Figlio diligentissimo

La misericordia di Dio “precede” sempre la richiesta fiduciosa di ogni tuo sguardo.

Oggi me n’è successa una delle belle!

Roberta, mamma da un anno circa, viene a trovarmi con il marito e con il frugoletto ormai ai suoi primi passi barcollanti, ma autentici capolavori di vita.

Mi precisa subito, prima che ci mettiamo a far due chiacchiere, che il piccolo Jean è nato, per così dire, con la nutella in mano. Stravede appena la vede. Ovunque andiamo, i suoi occhi scrutano e sanno scovare nutella dappertutto.

Non sempre, ma appena il buon senso e la sua salute ce lo consentono, gliela mettiamo a disposizione. Allora lo vedi “lavorare” con mani e piedi attorno al dolce marroncino.

Due giorni fa, mi precisa Roberta, distratta dall’eccessiva attenzione alla pentola, lo trovo con la faccia “imbrattata” da un orecchio all’altro. Mi è venuta la malsana idea di insegnargli non solo a come non imbrattarsi, ma –peggio che peggio – a come imparare a pulirsi subito da solo.

Ero convinta che, diligente com’è, la lezione sarebbe andata a buon fine. Ma l’impegno esagerato del bambino lo induceva a moltiplicare gesti inconsulti di autopulizia. Le mani, il viso e perfino il fazzolettino impiastricciato estendevano in tutte le parti del corpo il marroncino della nutella.

Non chiederò mai più a un bambino così piccolo di autopulirsi… Da solo non può vedere e non sa fare nulla. E’ la mamma la sua continua pulizia.

Dio non ti chiederà mai l’autoperfezionismo, ma sarà sempre la sua misericordia a “precedere” la richiesta fiduciosa di ogni tuo sguardo.

Ciao da p. Andrea

Per richiedere copie dei libretti di padre Andrea Panont e per ogni approfondimento si può cliccare qui

About Andrea Panont

Share this Entry

Sostieni ZENIT

Se questo articolo ti è piaciuto puoi aiutare ZENIT a crescere con una donazione