Dona Adesso

Ferguson, la Chiesa mobilitata con preghiere e azioni concrete

Nella città americana si susseguono scontri a seguito dell’uccisione da parte della polizia di un giovane nero. L’arcivescovo di Saint Louis organizza una Messa e una raccolta fondi per le vittime degli incidenti

Sembra che le lancette dell’orologio, a Ferguson, nello Stato americano del Missouri, siano tornate indietro nel tempo. Sembra di rivivere i giorni in cui Malcolm X arringava le folle di neri per ribellarsi contro la segregazione razziale. È da giorni, infatti, che per le strade si registrano continui tafferugli. La causa scatenante è stata l’uccisione, il 9 agosto, di Michael Brown, ragazzo di colore disarmato, da parte di un agente di polizia bianco. Soltanto ieri sono state arrestate 47 persone.

Intanto da Saint Louis, città situata a pochi chilometri da Ferguson, un altro omicidio rischia di rinfocolare la situazione. Un ventitreenne nero sarebbe stato ucciso dalla polizia dopo un furto di bevande e dolci all’interno di un minimarket. Episodi questi, che hanno spinto mons. Robert Carlson, arcivescovo di Saint Louis, di dedicare alla pace e alla giustizia una Messa che inizia alle 17 di oggi, ora locale, nella Cattedrale della città.

“Siamo tutti colpiti dalla tragedia che sta sperimentando la comunità locale – si legge in una lettera aperta ai fedeli scritta da mons. Carlson –. Come discepoli di Cristo, dobbiamo trovare la giusta direzione nel caos attuale”. Nei giorni scorsi, il presule ha visitato Ferguson e ha pregato sulla tomba di Michael Brown: “In ogni circostanza – sottolinea – ma specialmente in quelle più difficili, siamo tutti chiamati ad essere strumenti di pace, con le parole e le azioni, affinché, come ha detto Papa Francesco, una catena di impegno per la pace unisca tutti gli uomini e le donne di buona volontà”. La colletta della Messa verrà devoluta alle Parrocchie di Ferguson che si stanno mobilitando per aiutare le vittime degli scontri, compresi i proprietari dei negozi assaltati.

About Redazione

Share this Entry

Sostieni ZENIT

Se questo articolo ti è piaciuto puoi aiutare ZENIT a crescere con una donazione