Dona Adesso

“Femminile-Maschile”, la nuova rubrica del settimanale diocesano Roma Sette

Pensata per i genitori, la nuova rubrica sarà curata dallo psicoterapeuta Tonino Cantelmi e prenderà il via domenica 20 settembre con cadenza quindicinale

Un itinerario educativo a carattere divulgativo per i genitori sul valore e l’importanza della differenza tra uomo e donna, di fronte al dilagare della teoria “gender”. È la rubrica “Femminile-Maschile”, che prenderà il via domenica 20 settembre su Roma Sette, il settimanale della diocesi di Roma in edicola con Avvenire

L’iniziativa, spiega Angelo Zema, responsabile del supplemento di informazione diocesana, “partirà da basi scientificamente fondate e approfondirà il concetto espresso da Papa Francesco nel giugno scorso in apertura del Convegno diocesano di fronte a migliaia di genitori: la “sfida di portare avanti le differenze – disse in quell’occasione il Pontefice -, la diversità che diventa complementarietà ma anche reciprocità è tanto importante per i figli'”.

La rubrica quindicinale, che si inserisce nel programma pastorale della diocesi dedicato ad accompagnare le famiglie nell’educazione dei figli, sarà curata da Tonino Cantelmi, psicoterapeuta e autore (con Marco Scicchitano) del libro “Educare al femminile e al maschile”. Cantelmi, che è diacono permanente della diocesi di Roma, è stato il primo ricercatore italiano a occuparsi dell’impatto della tecnologia digitale sullo sviluppo cognitivo e affettivo dei bambini. “La nuova rubrica di Roma Sette – aggiunge  Zema – sarà un taccuino di viaggio non solo tra le insidie del ‘gender ma soprattutto attorno alla forza delle differenze, che nessuna teoria può pensare di cancellare”.

Altra novità per Roma Sette sarà la rubrica Obiettivo salute, curata dai medici del Policlinico Gemelli, per favorire la prevenzione in un settore, come quello della salute, nel quale la richiesta di informazioni è notevolmente aumentata negli ultimi anni. Anch’essa avrà una cadenza quindicinale.

About Redazione

Share this Entry

Sostieni ZENIT

Se questo articolo ti è piaciuto puoi aiutare ZENIT a crescere con una donazione