Dona Adesso
Jesus comes to Mary and Martha (Luke 10:38-42)

WIKIMEDIA COMMONS

“Fede, sostantivo femminile. Donne a confronto su Chiesa, economia e cooperazione”

Dal 20 maggio in libreria il nuovo volume di Laura Badaracchi che raccoglie interviste a donne protagoniste del cattolicesimo contemporaneo

Fra le novità editoriali della casa editrice del Credito Cooperativo, presente alla XXIX Edizione del Salone internazionale del Libro nel consueto spazio espositivo di Lingotto Fiere (stand Padiglione 1, Box C38D37), anche il volume Fede, sostantivo femminile. Donne a confronto su Chiesa, solidarietà, economia e cooperazione. Quattordici interviste realizzate da Laura Badaracchi (giornalista e scrittrice, collabora con il quotidiano Avvenire e, fra gli altri, con i periodici Famiglia Cristiana, Credere, Jesus, Donna Moderna, Il mio Papa) a donne protagoniste del cattolicesimo contemporaneo.

«Oltre un anno fa Roberto Righetto (caporedattore delle pagine culturali del quotidiano Avvenire, oggi in pensione) mi aveva consigliato di raccogliere le mie 12 interviste della serie Fede al femminile – uscite alla fine del 2014 – e di pubblicarle in un volume nella versione integrale, molto più ampia rispetto a quella uscita sul giornale. L’Ecra ha deciso di pubblicare la raccolta, a cui ho aggiunto in coda, ex novo, le interviste a suor Alessandra Smerilli (esperta di economia sostenibile) e a suor Helen Alford (un’autorità nel campo della responsabilità sociale d’impresa).  In coda, un epilogo di suor Rita Giaretta con una lettera aperta a Jorge Mario Bergoglio, Papa Francesco», spiega l’autrice.

Le altre interviste sono a suor Mary Melone, Costanza Miriano, suor Albarosa Ines Bassani, Antonella Lumini, Mariapia Veladiano, suor Diana Papa, Agnese Cini, suor Luzia Premoli, Serena Noceti, Lucetta Scaraffia, Judith Marie Povilus, madre Maria Ignazia Angelini.

Voci molto diverse fra loro: religiose, studiose, docenti universitarie, economiste, giornaliste, scrittrici, madri. Donne che parlano di fede ma anche delle loro vite, delle loro esperienze, del loro impegno nella società. «Un puzzle variegato che aiuta a scoprire e a capire un altro punto di vista – spesso nascosto e poco valorizzato ma prezioso e a tratti inedito, sorprendente – nella compagine ecclesiale: quello delle donne», fa notare Laura Badaracchi nell’Introduzione.

E aggiunge: «La Chiesa, ripete Papa Francesco, è femminile. Proprio come il sostantivo fede, declinato dalle donne credenti in mille volti diversi. Ho provato a delineare alcuni di questi volti nella comunità cattolica del terzo millennio. In cui le voci delle donne restano talvolta sommesse, defilate, nascoste, ma non per questo prive di spirito profetico. Perché esistono modalità di comunicare e annunciare il Vangelo squisitamente femminili per i tratti di tenerezza, attenzione, sensibilità».

Scrive nella Prefazione la giornalista Myriam Defilippi, vice caporedattore attualità del settimanale Donna Moderna: «C’è la teologa accanto alla matematica, la mamma vicino all’abbadessa, la missionaria a fianco della storica. Sentirle parlare è un arricchimento, a prescindere da come ci si collochi rispetto a quello snodo cruciale dell’esistenza che si chiama ricerca di Dio. Nessuna di loro si sottrae a domande, anche scomode, sulla presenza (spesso più simile all’assenza) del femminile nelle scelte della gerarchia ecclesiastica. Le loro risposte non si adagiano sulla retorica, ma sono sostenute da lucidità e speranza. Ecco, le donne che ci vengono incontro nelle prossime pagine, al di là dei loro curricula ponderosi e delle loro riflessioni acute, imprimono in noi una sensazione confortante e rigenerante: una vita di fede si accompagna talora al dubbio e alla paura, ma trova il suo senso e la sua linfa nella gioia che ne deriva».

Di Laura Badaracchi le edizioni Ecra hanno pubblicato a novembre 2015 la guida I santi della misericordia. Itinerari a Roma e dintorni, con le foto di Stefano Dal Pozzolo.

About Redazione

Share this Entry

Sostieni ZENIT

Se questo articolo ti è piaciuto puoi aiutare ZENIT a crescere con una donazione