Dona Adesso

“Fare bene il bene”, secondo l’esempio di Giovanni Battista Piamarta

Una mostra illustrerà la vita e le opere del sacerdote bresciano, canonizzato lo scorso ottobre

Una mostra del prossimo Meeting di Rimini proporrà un percorso storico-didattico sulla figura e il carisma di Giovanni Battista Piamarta nel primo centenario della morte.

“Fare bene il bene”. San Giovanni Battista Piamarta (1841-1913) è il titolo dell’esposizione, in programma a Rimini Fiera dal 18 al 24 agosto, a cura di Gabriele Archetti e Claudio Merigo, in collaborazione con padre Enzo Turriceni, superiore della Sacra Famiglia di Nazareth.

Giovanni Battista Piamarta nasce a Brescia il 26 novembre 1841 da una famiglia di modeste condizioni sociali. Santo, prete, educatore dei giovani, è una delle personalità di maggior rilievo della Chiesa bresciana tra la seconda metà dell’Ottocento e i primi del Novecento. Muore il 25 aprile 1913 a Remedello, dopo una vita spesa tutta al servizio di Dio e della gioventù. È stato canonizzato da Benedetto XVI il 21 ottobre 2012 in San Pietro.

Vissuto in un momento difficilissimo per il Paese, dove l’incipiente industrializzazione creava enormi problemi sociali e minava la tenuta cristiana delle famiglie e l’educazione dei figli, si prodiga per dare ai giovani gli strumenti necessari a crearsi un futuro con le proprie forze, grazie alla preparazione professionale, alla crescita umana e alla fede cristiana.

“Fare bene il bene” non è solo uno degli slogan più belli e immediati di San Giovanni Battista Piamarta, ma anche lo stile con cui ha agito consumandosi per dare speranze alle nuove generazioni.

About Redazione

Share this Entry

Sostieni ZENIT

Se questo articolo ti è piaciuto puoi aiutare ZENIT a crescere con una donazione