Dona Adesso

‘Embrace’: la sfida tra classica e jazz che conquista l’America

Accoglienza trionfale per il tour negli States dei pianisti Cristiana Pegoraro e Danilo Rea

Si è concluso tra standing ovation e ripetuti bis l’abbraccio di due pianoforti tra classica e jazz portato sui palcoscenici americani da due grandi artisti quali Cristiana Pegoraro e Danilo Rea.

‘Embrace’ è un progetto unico ed innovativo in cui i mondi musicali di Cristiana Pegoraro, definita dal New York Times “un’artista del più alto calibro”, e Danilo Rea, uno dei più grandi jazzisti del nostro tempo, si intrecciano con appassionato vigore in un dialogo teso tra austera tradizione classica e ricerche espressive ammiccanti al jazz, al tango, all’improvvisazione e alle suggestioni caraibiche, come esplorazione di inedite possibilità espressive nell’arte contemporanea.

Due grandi artisti, due pianoforti che si fondono in uno, in un abbraccio fatto di note e di emozioni che ha lasciato senza fiato gli spettatori americani.

Sublime la tecnica, indiscusso il talento, grande la presenza scenica di questi due musicisti che hanno proposto al pubblico un vero e proprio spettacolo in grado di coprire tutti i gusti musicali, spaziando da Bach a Chick Corea, da Beethoven alla canzone napoletana e al tango di Piazzolla.

Qual è l’idea trainante di Embrace?

“La musica classica e il jazz sembrerebbero generi molto distanti fra loro – racconta Cristiana -. La classica è musica dove gli interpreti riproducono note scritte con indicazioni ben precise per un’esecuzione il più possibile vicina all’idea originale del compositore. Il jazz è musica “libera” basata sull’improvvisazione, mai uguale a se stessa, ricca di ritmi sincopati e sorprese armoniche.

Ma non possiamo dimenticare che tutti i grandi musicisti classici, da Bach, a Mozart, Beethoven, Chopin e così via, sono stati anche grandissimi improvvisatori. Quindi, forse, questi due generi non sono poi così lontani come sembrano.”

“Fin da bambino – prosegue Rea – una delle mie ambizioni è stata quella di improvvisare sulla musica classica. Non a caso ho inciso molti dischi sull’opera lirica. In questo progetto non bisogna pensare al jazz come swing, ma piuttosto come improvvisazione, la chiave di lettura che ci ha permesso di far abbracciare i nostri due mondi musicali, dando vita ad ‘Embrace’, un progetto unico, mai realizzato prima d’ora, un’improvvisazione dentro alla musica.”

“‘Embrace’ – sottolinea Pegoraro – ha visto la luce nel 2013. Mi ricordo ancora quando gli ultimi giorni del Dicembre 2012 andai a trovare Danilo a Umbria Jazz Winter ad Orvieto e gli proposi questa sfida.  Nel corso del tempo abbiamo suonato questo programma in giro per l’Italia, sperimentando e affinando sempre più il punto di incontro fra le nostre culture musicali, fin quando a luglio 2016 ‘Embrace’ ha inaugurato il Narnia Festival davanti ad un pubblico in visibilio.”

Proprio il Narnia Festival ha fornito il ponte verso New York, presentando in esclusiva questo spettacolo sui palcoscenici americani.

“Suonare negli States – continua Danilo Rea – è stata un’emozione bellissima. Uno dei concerti si è tenuto a Bethel, NY, nel luogo dove avvenne Woodstock. Ora in quel luogo è sorto un Art Center con una bellissima sala da concerto e un museo dedicato. Prima di iniziare il concerto abbiamo avuto un po’ di tempo per visitare il museo. Un salto indietro nel tempo, fra i tanti ricordi di personaggi che in un certo senso hanno cambiato il modo di concepire la musica e hanno mandato un potente messaggio al mondo. È stata una grande ispirazione. L’ultimo concerto si è invece tenuto presso la Steinway Hall, sala dalla grande tradizione classica. Non ci è mancato proprio nulla!”

A grande richiesta, ‘Embrace’ tornerà negli Stati Uniti nel 2017.

 

About Redazione

Share this Entry

Sostieni ZENIT

Se questo articolo ti è piaciuto puoi aiutare ZENIT a crescere con una donazione