Dona Adesso

Due per tre

Al bambino spetta il compito di essere, per i grandi, modello di “spensieratezza” e incondizionata fiducia in Chi ha in mano le sorti del mondo

Nellina di sei anni e Rachele di quattro, stavano davanti alla scuola con il papà. Dovevano entrare per un recita natalizia. Conoscendomi Nellina mi augura  “buon natale”. Io mi giro e le dico: “sai che Gesù bambino ti ama immensamente?” – “Si, anche mia sorellina”.

Il papà, sorridendo, risponde: “Si, è vero…però non sa le tabelline”. Un indiretto invito a Nellina ad applicarsi meglio in matematica, nella scienza del calcolo. Secondo il papà, per una sua errata convinzione, la piccola sarebbe più gradita a Gesù. I bambini sanno bene invece di essere amati da Gesù per quello che sono, non per quel che sanno.

“Le tabelline?”, riprendo – “Si, quelle che fanno “per”,  mi spiega la sorellina di quattro anni, riferendosi alla “tavola pitagorica”.

“Quanto fa due per due…?”, incalzo. Nellina mi guarda come per dirmi che è ovvio che faccia quattro. E chi non lo sa!?

Mi inoltro nel difficile: “Quanto fa due per tre?” Qui la piccola inarca la fronte e, con un po’ di sforzo, guardando in alto, con la soddisfazione d’un ciclista che taglia il traguardo e dando un profondo sospiro: “Sei”- mi dice – cercando conferma con i suoi occhi nei miei.

“Eh… la matematica, i calcoli non sono il suo forte!!” – commenta il babbo.

“E’ normale per un bambino non far calcoli, su niente – rincalzo – …Ci pensano il papà e la mamma a risolvere i “problemi”.

Al bambino spetta il compito più importante di essere, per i grandi, modello di “spensieratezza”, di totale e incondizionata fiducia in Chi ha in mano le sorti del mondo.

“Grazie, mi disse il babbo. Allora sì che è Natale”.

Ciao da p. Andrea

Per richiedere copie dei libretti di padre Andrea Panont e per ogni approfondimento si può cliccare qui.

About Andrea Panont

Share this Entry

Sostieni ZENIT

Se questo articolo ti è piaciuto puoi aiutare ZENIT a crescere con una donazione