Dona Adesso

Farnesina, Roma / Wikimedia Commons - Gianni o O, CC BY-SA 4.0

Don Maurizio Pallù è di nuovo libero

Il sacerdote della diocesi di Roma era stato rapito la settimana scorsa in Nigeria

Don Maurizio Pallù è di nuovo libero. La notizia del suo rilascio è stata confermata nella mattinata di oggi, mercoledì 18 ottobre 2017, dal ministro degli Esteri italiano, Angelino Alfano.

Il titolare della Farnesina ha anche confermato che il sacerdote della diocesi di Roma e legato al Cammino Neocatecumenale “sta bene”.

Don Pallù, originario di Firenze, era stato sequestrato il 12 ottobre scorso da un gruppo di uomini armati mentre si recava assieme con quattro altre persone a Benin City, nello Stato nigeriano di Edo.

Già a fine settembre era stato rapito un altro sacerdote cattolico in Nigeria. Si tratta di don Lawrence Adorolo, curato della parrocchia di san Benedetto a Okpella, sempre nello Stato di Edo.

La notizia del rilascio di don Pallù è stata accolta con “gioia” dalla diocesi di Roma. “Rendiamo grazie alla Provvidenza divina che ha reso possibile la conclusione di una vicenda che destava molta preoccupazione”, così si legge in un breve comunicato diffuso dall’Ufficio stampa del Vicariato, che ringrazia anche “tutti coloro che si sono adoperati, soprattutto con la preghiera, per la sua liberazione”.

Anche il cardinale arcivescovo di Firenze, Giuseppe Betori, ha espresso sollievo per la liberazione del sacerdote. “Mi rallegro e sono sollevato per la notizia della liberazione di don Pallù per cui abbiamo molto pregato”, ha dichiarato il porporato, le cui parole sono state riportate dall’agenzia SIR.

“Ringraziamo il Signore per aver protetto questo suo figlio, prete neocatecumenale in missione, che come tantissimi sacerdoti missionari nel mondo sta spendendo la propria vita a fianco degli ultimi”, ha proseguito Betori. (pdm)

About Redazione

Share this Entry

Sostieni ZENIT

Se questo articolo ti è piaciuto puoi aiutare ZENIT a crescere con una donazione