Dona Adesso

© Copyright Vatican Media

Don José Tolentino Mendonça: L’autoreferenzialità una dei più grandi pericoli per il cammino spirituale

Esercizi spirituali ad Ariccia dal 18 al 23 febbraio 2018

Nel corso dell’ottava meditazione degli esercizi spirituali ad Ariccia Don José Tolentino Mendonça ha definito l’autoreferenzialità una dei più grandi pericoli per il cammino spirituale sviluppando il concetto attraverso la parabola del figliol prodigo.

Ognuno si può riconoscere nella famiglia descritta nell’episodio del Vangelo e caratterizzata da una relazione conflittuale dei fratelli; così il vicerettore dell’Università Cattolica di Lisbona.

In ognuno di noi ci sono problemi irrisolti, sentimenti soffocati e ferite la cui guarigione richiede l’aiuto di Dio.

L’egoismo e l’edonismo favoriscono lo sviluppo di una società consumista, prigioniera del desiderio. Lo stesso comportamento dimostra il figliol prodigo lasciando la retta via. Il fratello maggiore invece è incapace di provare misericordia nei suoi confronti, essendone anche invidioso. Don José ha spiegato che la causa di questo atteggiamento va cercata in pregiudizi e sentimenti negativi mai risolti.

Tuttavia il padre agisce con misericordia trattando i suoi figli mostrando equilibrio e comprensione; la misericordia è perdono, bontà e compassione, un eccesso di amore.

About Staff Reporter

Lorem ipsum dolor sit amet, consectetur adipiscing elit. Etiam vitae libero quis nunc porta viverra. Suspendisse ultricies, metus vel condimentum viverra, augue nisi aliquam mi, cursus posuere velit lacus eu metus. Phasellus elementum eros viverra dignissim interdum. Praesent sed consectetur nulla. Suspendisse eget bibendum purus. Sed ut dui a tortor ullamcorper condimentum at nec nibh. Pellentesque suscipit vulputate faucibus.

Share this Entry

Sostieni ZENIT

Se questo articolo ti è piaciuto puoi aiutare ZENIT a crescere con una donazione