Dona Adesso

Don Guanella: domani Scola celebra Messa per il centenario della morte del Santo

Alla celebrazione parteciperanno i vescovi delle Diocesi in cui è presente l’Opera don Guanella e tutte le comunità e i cooperatori della Famiglia Guanelliana

Domani, venerdì 30 ottobre, in Duomo il cardinale Angelo Scola, arcivescovo di Milano e metropolita della Lombardia, presiederà alle ore 11 la Santa Messa di chiusura delle celebrazioni per il 100° anniversario della morte di San Luigi Guanella.

Alla celebrazione eucaristica parteciperanno anche i vescovi delle Diocesi in cui è presente l’Opera don Guanella e tutte le comunità maschili, femminili e cooperatori della Famiglia Guanelliana, insieme agli ospiti, operatori, amici e volontari.

Don Guanella, nato il 19 dicembre 1842 a Fraciscio di Campodolcino, in Valle Spluga (Sondrio), morì a Como il 24 ottobre 1915, a quasi 73 anni. Dopo poco meno di cinquant’anni, il 25 ottobre 1964, Paolo VI lo proclamò Beato. Il 23 ottobre 2011 è stato canonizzato da Benedetto XVI.   Per il suo zelo e l’amore verso i malati, nel 2005 è stato dichiarato compatrono dell’Unitalsi insieme a San Pio X.

A 100 anni dalla morte, la sua famiglia continua a diffondere il suo messaggio in 22 Nazioni sparse in tutto il mondo. Nella Diocesi di Milano sono gestite dai Guanelliani una casa famiglia a Lecco che ospita ragazzi e giovani, un centro di spiritualità e una casa per anziani a Barza d’Ispra (Va), un centro per anziani a Caidate di Sumirago (Va) e a Castano Primo (Mi), un centro per disabili a Cassago Brianza, la casa Sant’Agnese con scuole dalla materna alle medie a Saronno, una casa per suore anziane a Albese con Cassano (Co).

A Milano fanno parte della Famiglia Guanelliana la casa San Gaetano, la Casa di Gastone per i senza tetto; la casa per anziane delle suore Figlie di Santa Maria della Provvidenza. 

*

La celebrazione si potrà seguire in diretta su Chiesa tv – canale 195 del digitale terrestre, www.chiesadimilano.it e Radio Mater

About Redazione

Share this Entry

Sostieni ZENIT

Se questo articolo ti è piaciuto puoi aiutare ZENIT a crescere con una donazione