Dona Adesso

Difesa degli anziani con prestazioni geriatriche multidisciplinari

L’ Associazione Multidisciplinare di Geriatria (AMGe) si appella al Ministro della Salute perché non venga limitata la funzione dei medici geriatri e che l’anziano possa godere della cura dei migliori specialisti.

Con una lettera aperta inviata al ministro della Salute, Beatrice Lorenzin, l’Associazione Multidisciplinare di Geriatria (AMGe) chiede, nell’ambito dell’auspicabile, la revisione del Nomenclatore Tariffario oltre alla codifica della visita specialistica geriatrica e che la Regione proponga un pacchetto di prestazioni geriatriche multidisciplinari che possano essere erogate dalle diverse figure professionali che si fanno carico delle problematiche delle persone anziane.

In particolare, secondo l’AMGe andrebbero incluse, le opzioni specialistiche di: Valutazione Multidimensionale, Valutazione cognitiva, Test psicometrici, Valutazione delle abilità strumentali e basali della vita quotidiana, Valutazione della disabilità, Valutazione dell’equilibrio, dell’andatura e del rischio cadute, Valutazione del tono dell’umore e dei disturbi psicotici e comportamentali, Formulazione di piani personalizzati di cura e di riabilitazione.

L’AMGe ricorda che entro il 2050 è previsto un incremento degli ultra 65enni dagli attuali 22% al 34%. Entro il 2045 è previsto un raddoppio degli ultra 85enni, cioè la fascia di popolazione più a rischio di perdita dell’autonomia funzionale.

L’aumento degli anziani fragili ad alta complessità assistenziale diventa quindi un problema di salute pubblica ed una grande sfida a quanti sono coinvolti, a vario titolo, nella prevenzione, nella cura e nella riabilitazione di questo crescente segmento di popolazione.

A questo proposito, il presidente dell’AMGe Raffaele Angelo Madaio, oncologo, medico del Servizio di Oncologia dell’Ospedale Israelitico di Roma, ha ringraziato il ministro della Salute  per l’attenzione che vorrà riservare alle proposte dell’associazione, rinnovando la speranza di interpretare i reali bisogni e la domanda di salute della popolazione anziana.

La Società Scientifica Nazionale AMGe è nata per sottolineare la centralità del paziente anziano e la convergenza delle varie specialità che devono operare al suo servizio per contrastare la disabilità e migliorare la qualità della vita.

L’idea è quella di raccogliere in un unico progetto quanti lavorano per garantire alle persone anziane un’adeguata tutela sanitaria e sociale, perché possano avere una buona qualità di vita in salute ed opportuna assistenza nel momento in cui insorgano malattia, fragilità, disabilità.

Non è interesse dell’AMGe rappresentare interessi corporativi. Il medico e le altre figure professionali sono importanti ma vanno misurate con la centralità dei bisognosi, in questo caso dei pazienti anziani, persone a cui necessariamente bisogna dare risposte esaustive.

*

Per ogni informazione sull’AMGe: www.amge.it info@amge.it

 

About Antonio Gaspari

Cascia (PG) Italia Studi universitari a Torino facoltà di Scienze Politiche. Nel 1998 Premio della Fondazione Vittoria Quarenghi con la motivazione di «Aver contribuito alla diffusione della cultura della vita». Il 16 novembre del 2006 ho ricevuto il premio internazionale “Padre Pio di Pietrelcina” per la “Indiscutibile professionalità e per la capacità discreta di fare cultura”. Il Messaggero, Il Foglio, Avvenire, Il Giornale del Popolo (Lugano), La Razon, Rai tre, Rai due, Tempi, Il Timone, Inside the Vatican, Si alla Vita, XXI Secolo Scienza e Tecnologia, Mondo e Missione, Sacerdos, Greenwatchnews. 1991 «L'imbroglio ecologico- non ci sono limiti allo sviluppo» (edizioni Vita Nuova) . 1992  «Il Buco d'ozono catastrofe o speculazione?» (edizioni Vita Nuova). 1993 «Il lato oscuro del movimento animalista» (edizioni Vita Nuova). 1998 «Los Judios, Pio XII Y la leyenda Negra» Pubblicato da Planeta in Spagna. 1999 «Nascosti in convento» (Ancora 1999). 1999 insieme a Roberto Irsuti il volume: «Troppo caldo o troppo freddo? - la favola del riscaldamento del pianeta» (21mo Secolo). 2000 “Da Malthus al razzismo verde. La vera storia del movimento per il controllo delle nascite” (21mo Secolo, Roma 2000). 2001 «Gli ebrei salvati da Pio XII» (Logos Press). 2002 ho pubblicato tre saggi nei volumi «Global Report- lo stato del pianeta tra preoccupazione etiche e miti ambientalisti» (21mo Secolo, Roma 2002). 2002 ho pubblicato un saggio nel nel Working Paper n.78 del Centro di Metodologia delle scienze sociali della LUISS (Libera Università Internazionale degli Studi Sociali Guido Carli di Roma) «Scienza e leggenda, l’informazione scientifica snobbata dai media». 2003 insieme a VittorFranco Pisano il volume “Da Seattle all’ecoterrorismo” (21mo Secolo, Roma 2003). 2004 ho pubblicato insieme a Riccardo Cascioli “Le Bugie degli Ambientalisti” (Edizioni Piemme). 2004 coautore con del libro  “Emergenza demografia. Troppi? Pochi? O mal distribuiti?” (Rubbettino editore). 2004 coautore con altri del libro “Biotecnologie, i vantaggi per la salute e per l’ambiente” ((21mo Secolo, Roma 2004). 2006 insieme a Riccardo Cascioli “Le Bugie degli Ambientalisti 2” (Edizioni Piemme). 2008 insieme a Riccardo Cascioli il libro “Che tempo farà… Falsi allarmismi e menzogne sul clima (Piemme). 2008, è stata pubblicata l’edizione giapponese de “Le bugie degli ambientalisti” edizioni Yosensha. 2009. insieme a Riccardo Cascioli “I padroni del Pianeta – le bugie degli ambientalisti su incremento demografico, sviluppo globale e risorse disponibili” (Piemme). 2010 insieme a Riccardo Cascioli, è stato pubblicato il volume “2012. Catastrofismo e fine dei tempi” (Piemme). 2011 Questo volume è stato pubblicato anche in Polonia con l’imprimatur della Curia Metropolitana di Cracovia per le e3dizioni WYDAWNICTTWO SW. Stanislawa BM.

Share this Entry

Sostieni ZENIT

Se questo articolo ti è piaciuto puoi aiutare ZENIT a crescere con una donazione