Dona Adesso
Pope Francis delivers his homily in Santa Marta

PHOTO.VA

Custodire il cuore da “rumori mondani”, per non essere cristiani che scandalizzano

Francesco, nella Messa a Santa Marta, chiede di liberare il cuore dalle “passioni”, in modo da essere pronti ad accogliere il dono gratuito della grazia di Dio

Un cuore mite, umile, libero da “passioni” e “rumori mondani”, pronto ad accogliere “la grazia” che il Signore dona in ogni tempo. Sintetizza così Papa Francesco la vera essenza del cristiano nella Messa a Santa Marta di oggi, mettendo sullo stesso piatto della bilancia l’atteggiamento negativo in cui invece può incorrere chi si dice seguace di Cristo.

È il cristiano che “dà scandalo”, stigmatizzato da Bergoglio già in diverse occasioni. Il cristiano, cioè, che “anche va in chiesa, va le domeniche a Messa ma vive non come cristiano, vive come mondano o come pagano. E quando una persona è così, scandalizza – sottolinea il Pontefice -. Quante volte abbiamo sentito nei nostri quartieri, nei negozi: ‘Guarda quello o quella, tutte le domeniche a Messa e poi fa questo, questo, questo, questo…’. E la gente si scandalizza”.

San Paolo – ricorda Francesco – esorta pertanto ad accogliere il dono gratuito della grazia di Dio, perché c’è un “momento favorevole” per farlo. E questo momento è “adesso”. Il cristiano deve esserne consapevole e avere quindi il cuore preparato per “non accogliere invano” quel dono. Ma, come? Anzitutto, restando “attenti per capire il tempo di Dio, quando Dio passa per il nostro cuore”, evidenzia il Santo Padre. Poi, sgombrando ogni piega dell’anima “dal rumore mondano” che non è altro che il “rumore del diavolo”.

Solo “allontanando ogni rumore che non viene dal Signore”, ed evitando “le cose che ci tolgono la pace”, è possibile “custodire il cuore”. “Essere libero dalle passioni e avere un cuore umile, un cuore mite – insiste il Santo Padre -. Il cuore viene custodito dall’umiltà, dalla mitezza, mai dalle lotte, dalle guerre. No! Questo è il rumore: rumore mondano, rumore pagano o rumore del diavolo. Il cuore in pace”.

Francesco fa sue, quindi, le parole di San Paolo: “Non dare motivo di scandalo a nessuno perché non venga criticato il nostro ministero”. E parlando di ministero, l’Apostolo intende “anche della testimonianza cristiana, perché non venga criticata”, spiega Bergoglio. Anch’egli – soggiunge – invita a custodire il cuore, affinché sia sempre rivolto a Dio, seppur “nelle tribolazioni, nelle necessità, nelle angosce, nelle percosse, nelle prigioni, nei tumulti, nelle fatiche, nelle veglie, nei digiuni”:

“Ma sono cose brutte tutte queste e io devo custodire il mio cuore per accogliere la gratuità e il dono di Dio?”, osserva il Pontefice. “Si! E come lo faccio?” prosegue, e conclude citando ancora Paolo: “Con purezza, con sapienza, con magnanimità, con benevolenza, con spirito di santità”. Questo è il segreto, assicura Papa Francesco: “L’umiltà, la benevolenza, la pazienza, che soltanto guarda Dio, e ha il cuore aperto al Signore che passa”.

About Staff Reporter

Lorem ipsum dolor sit amet, consectetur adipiscing elit. Etiam vitae libero quis nunc porta viverra. Suspendisse ultricies, metus vel condimentum viverra, augue nisi aliquam mi, cursus posuere velit lacus eu metus. Phasellus elementum eros viverra dignissim interdum. Praesent sed consectetur nulla. Suspendisse eget bibendum purus. Sed ut dui a tortor ullamcorper condimentum at nec nibh. Pellentesque suscipit vulputate faucibus.

Share this Entry

Sostieni ZENIT

Se questo articolo ti è piaciuto puoi aiutare ZENIT a crescere con una donazione