Dona Adesso

Cristiani perseguitati: i movimenti aderiscono alla veglia di Pentecoste

Costalli (MCL): “Dov’è negata la libertà religiosa, sono negati anche i diritti umani”. Martinez (RnS): “Nell’ecumenismo della sofferenza è la prova della vera fede e della nostra unità”

La Chiesa italiana aderisce convintamente alla proposta della Conferenza Episcopale Italiana di dedicare la Veglia di Pentecoste, il prossimo 23 maggio, alla preghiera per i cristiani perseguitati nel mondo. Anche il Movimento Cristiano Lavoratori, il Rinnovamento nello Spirito Santo e la fondazione Aiuto alla Chiesa che Soffre hanno assicurato la loro partecipazione. 

“Mai come oggi il numero dei cristiani perseguitati è cresciuto in maniera così esponenziale e mai come oggi il martirio di tanti cristiani sembra essere diventato normalità, routine, abitudine”,  ha dichiarato oggi il presidente del MCL, Carlo Costalli. Ha quindi rimarcato la necessità di “mantenere alta l’attenzione sulla libertà religiosa perché dove viene negata, probabilmente lo saranno anche tutti gli altri diritti umani. Per questo, è necessaria una forte reazione da parte dei governi, della comunità internazionale e della comunità civile”.

Con queste angustie nel cuore “il Movimento Cristiano Lavoratori parteciperà alla veglia di preghiera con tutti i suoi iscritti, che si uniranno alle iniziative organizzate nelle diocesi e nelle parrocchie”, ha poi concluso Costalli.

Dello stesso tono la nota diffusa dal Rinnovamento nello Spirito, in cui il movimento risponde all’appello dei vescovi italiani e alle numerose esortazioni del Santo Padre ad unirsi “in un grande gesto di preghiera a Dio e di vicinanza con questi nostri fratelli e sorelle”. 

“Di fronte alla tragedia di tanti cristiani perseguitati e di tante persone i cui diritti alla vita e alla libertà vengono quotidianamente violati, il Rinnovamento nello Spirito Santo esprime sostegno e piena adesione” all’iniziativa della CEI “per i martiri di oggi”.

Come da tradizione, il RnS, nel corso della Novena di Pentecoste, promuoverà iniziative di preghiera e di intercessione in tutte le Diocesi d’Italia attraverso il contributo di tutti i Gruppi e le Comunità del movimento. Quest’anno le molteplici iniziative in programma saranno dedicate alla causa dell’ecumenismo del sangue fortemente evocato da Papa Francesco, con particolare attenzione alla prossima Veglia di Pentecoste, sabato 23 maggio 2015.

“Siamo grati alla CEI – ha dichiarato il presidente Martinez – che ci invita ad unirci in preghiera in occasione della Solennità di Pentecoste, festa a cui il RnS è legato in special modo. L’umanità è bagnata dal sangue innocente di uomini e donne che soffrono violenza e subiscono ingiustizia nel silenzio immobile e colpevole delle nazioni. Per questo vogliamo sostenere la causa dell’ecumenismo del martirio, cara al nostro Pontefice, la cui cifra è eminentemente spirituale. Invitiamo tutti a dare ragione dell’unità della fede che ci raduna come un solo popolo, specie nel momento della prova, e a levare la voce al Cielo innalzando ‘un muro di fuoco’ di preghiere”.

L’auspicio di Martinez è che “sia lo Spirito Santo, vero datore di concordia e di pace, a concedere al nostro tempo una nuova fraternità universale, nel rispetto della libertà religiosa di ogni credente nel vero e unico Dio, e a noi cristiani un amore di prossimità provvidente verso tutte le comunità d’Oriente e d’Occidente perseguitate a causa del Vangelo di Cristo”.

Infine ACS, fondazione di diritto pontificio, ha detto di aderire con gratitudine alla proposta della CEI. Dagli anni ’50 l’organizzazione è accanto ai cristiani perseguitati che oggi più che mai – si legge in un comunicato – “hanno bisogno anche delle nostre preghiere”. In tal senso – si ricorda – Aiuto alla Chiesa che Soffre “ha organizzato numerose iniziative, come la giornata mondiale di preghiera per la pace in Iraq indetta assieme al patriarca caldeo, Raphael Luis I Sako, lo scorso 6 agosto”.

 

 

 

About Redazione

Share this Entry

Sostieni ZENIT

Se questo articolo ti è piaciuto puoi aiutare ZENIT a crescere con una donazione