Dona Adesso
Refugee children from Syria at a clinic in Ramtha

WIKIMEDIA COMMONS

Corridoi umanitari: domani l’arrivo dei primi profughi a Roma

93 persone in arrivo dal Libano grazie al progetto-pilota, coordinato dalla Comunità di Sant’Egidio, dagli Evangelici italiani e dalla Tavola Valdese

Domani, lunedì 29 febbraio, da Beirut arriverà a Fiumicino, il primo cospicuo gruppo di profughi siriani che, grazie al progetto  dei “corridoi umanitari”, entrerà in tutta sicurezza e legalmente in Italia.

Il gruppo di rifugiati, secondo quanto riferisce una nota della Comunità di Sant’Egidio, è composto da 24 famiglie, 93 persone in tutto – di cui 41 minori – che in ragione della loro condizione di vulnerabilità hanno ottenuto un visto umanitario a territorialità limitata rilasciato dall’ambasciata italiana in Libano.

Si tratta di un progetto-pilota che nel quadro di un accordo raggiunto a metà dicembre tra governo italiano, la Comunità di Sant’Egidio. la Federazione delle Chiese Evangeliche in Italia (FCEI), e la Tavola Valdese, prevede l’arrivo di un migliaio di casi in due anni non solo dal Libano, ma presto anche dal Marocco e dall’Etiopia.

Il progetto sarà illustrato domani in un briefing al Terminal 5 dell’aeroporto di Fiumicino. Saranno presenti: Paolo Gentiloni, Ministro degli Esteri; Mario Giro, Vice Ministro degli esteri; Domenico Manzione, Sottosegretario Ministero dell’Interno; Prefetto Mario Morcone capo Dipartimento Libertà Civili Ministero dell’Interno;  Marco Impagliazzo presidente Comunità di Sant’Egidio;  Luca Maria Negro, presidente Federazione delle Chiese Evangeliche in Italia; Eugenio Bernardini, Moderatore Tavola Valdese; Giovanni Ramonda  Presidente Associazione  Comunità Papa Giovanni XXIII;  Federico Garimberti, capo relazioni con i media Alitalia.

 

About Redazione

Share this Entry

Sostieni ZENIT

Se questo articolo ti è piaciuto puoi aiutare ZENIT a crescere con una donazione