Dona Adesso

“Cor ad cor loquitur”: la mostra sul beato Newman

Un nuovo appuntamento all’Università Europea dedicato al beato inglese

ROMA, lunedì, 20 febbraio 2012 (ZENIT.org) – Dal 27 febbraio al 2 marzo 2012, dalle 8.00 alle 19.00, l’Università Europea di Roma (via degli Aldobrandeschi 190), ospiterà la mostra “Cor ad cor loquitur. La certezza di Newman: la coscienza e la realtà”, presentata al XXXII Meeting per l’amicizia dei popoli. L’ingresso è libero e in qualsiasi momento sarà possibile usufruire di visite guidate gratuite curate dagli studenti dell’Università Europea. Lunedì 27 febbraio 2012, alle 15.00, si terrà l’incontro di presentazione della mostra. Interverranno il curatore Samuele Busetto e Luca F. Tuninetti, docente di logica e filosofia della conoscenza presso la Pontificia Università Urbaniana.

La mostra ripercorre il cammino della vita del beato John Henry Newman attraverso le tre conversioni che l’hanno caratterizzata, proponendo un percorso biografico e tematico, da cui emerge come la coscienza sia stata la forza motrice di tutto il suo cammino verso la certezza della verità e come tale cammino abbia caratterizzato anche il suo essere educatore e amante della bellezza. La prima conversione è la scoperta che Dio e l’anima sono reali, e che la presenza di Dio può essere percepita con la stessa concretezza e certezza con cui si percepiscono le realtà esteriori, gli oggetti della vita comune, i volti degli amici.

Per il giovane Newman è una rivoluzione copernicana; egli realizza che ciò che veramente conta nella vita non è la realtà afferrabile ma l’evidente presenza della persona di Dio, così che tutta l’esistenza diventa un dialogo tra il cuore dell’uomo e il cuore di Dio. La seconda conversione porta alla consapevolezza che la fede non si esaurisce in un’esperienza di dialogo intimistico con Dio ma diventa intelligenza della realtà. Una fede che non è radicata nel reale, che non cambia i criteri con cui l’uomo si rapporta con il mondo, è in fondo un’illusione e non è all’altezza di rispondere ai desideri profondi dell’uomo. Da qui l’instancabile battaglia di Newman contro il dualismo tra cose e parole e la sorpresa che il vero dialogo tra l’uomo e Dio si apre al dialogo con gli altri uomini, con i cuori degli uomini.

Infine la conversione al Cattolicesimo. È la scoperta che Dio ha deciso di intromettersi negli affari umani creando un luogo reale della sua presenza che è la Chiesa Cattolica. In questo corpo vivo, la persona di Cristo diventa tangibile: è presente nella comunione tra i fratelli di fede, risplende nella santità della loro vita, si lascia toccare nei sacramenti. Nella comunione della Chiesa il dialogo con il cuore di Dio viene a coincidere con il dialogo tra i cuori degli uomini. Gli studenti sono onorati di poter portare all’interno della loro Università la storia di quest’uomo, il quale ha dato la vita per quello che, in fondo, è proprio il più importante dei compiti accademici: cercare e seguire instancabilmente la Verità.

*

Per informazioni: tel. 06 665431. Sito: www.unier.it

About Redazione

Share this Entry

Sostieni ZENIT

Se questo articolo ti è piaciuto puoi aiutare ZENIT a crescere con una donazione