Dona Adesso

© Servizio fotografico - L'Osservatore Romano

Contro le guerre e la violenza nel mondo, Gesù Bambino oppone il “potere dell’amore”

Nell’Urbi et orbi, il Papa invoca la pace per Siria, Ucraina, Nigeria, Myanmar, Colombia, Venezuela ed ad altri paesi, ricordando i migranti e le vittime della tratta umana

Il potere di Gesù Bambino, appena venuto al mondo, “non è il potere di questo mondo, basato sulla forza e sulla ricchezza; è il potere dell’amore”, è il “potere del servizio, che instaura nel mondo il regno di Dio, regno di giustizia e di pace”. Lo ha detto papa Francesco durante la benedizione natalizia Urbi et Orbi, impartita dalla loggia della basilica di San Pietro.

Il tradizionale messaggio di pace è stato rivolto quest’anno, nuovamente alla “martoriata Siria, dove troppo sangue è stato sparso”. In particolare per Aleppo, “teatro nelle ultime settimane di una delle battaglie più atroci”, il Santo Padre ha richiamato come “quanto mai urgente che si garantiscano assistenza e conforto alla stremata popolazione civile, rispettando il diritto umanitario”. Il Pontefice ha chiesto che “le armi tacciano definitivamente e la comunità internazionale si adoperi attivamente perché si raggiunga una soluzione negoziale e si ristabilisca la convivenza civile nel Paese”.

Per quanto riguarda l’“amata Terra Santa”, il Papa ha auspicato che “Israeliani e Palestinesi abbiano il coraggio e la determinazione di scrivere una nuova pagina della storia, in cui odio e vendetta cedano il posto alla volontà di costruire insieme un futuro di reciproca comprensione e armonia”.

Un altro appello ha riguardato Iraq, Libia e Yemen, “dove le popolazioni patiscono la guerra ed efferate azioni terroristiche”.

Del continente africano, Francesco ha sottolineato in particolare le drammatiche situazioni “in Nigeria, dove il terrorismo fondamentalista sfrutta anche i bambini per perpetrare orrore e morte”, in Sud Sudan e nella Repubblica Democratica del Congo, per i quali ha invocato il risanamento delle “divisioni” e la vittoria della “cultura del dialogo” sulla “logica dello scontro”.

Pace è stata invocata per la Ucraina orientale “dove è urgente una comune volontà nel recare sollievo alla popolazione e dare attuazione agli impegni assunti”.

Con riferimento all’America Latina, il Santo Padre ha espresso le sue speranze per la Colombia, “che ambisce a compiere un nuovo e coraggioso cammino di dialogo e di riconciliazione” e per il Venezuela, perché si ponga fine alle “attuali tensioni” e si edifichi insieme un “avvenire di speranza per tutta la popolazione”.

Per quanto riguarda l’Asia orientale, il Pontefice ha invocato “assistenza umanitaria” e “sforzi per favorire la pacifica convivenza” in Myanmar e il superamento delle “tensioni” nella penisola coreana.

A livello globale, la preghiera del Papa è andata a “chi ha perso una persona cara a causa di efferati atti di terrorismo” e “ai nostri fratelli e sorelle abbandonati ed esclusi, a quelli che soffrono la fame e a coloro che sono vittime di violenze”. Sono poi stati ricordati i “profughi”, i “migranti”, i “rifugiati”, le vittime della “tratta delle persone”, i popoli che soffrono per le “ambizioni economiche di pochi e l’avida ingordigia del dio denaro che porta alla schiavitù”. Pace è stata invocata per chi è “segnato dal disagio sociale ed economico e a chi patisce le conseguenze dei terremoti o di altre catastrofi naturali”.

Nel “giorno speciale in cui Dio si fa bambino”, un pensiero speciale è stato rivolto ai più piccoli, “soprattutto a quelli privati delle gioie dell’infanzia a causa della fame, delle guerre e dell’egoismo degli adulti”.

Prima della Benedizione, Francesco ha infine ricordato nella preghiera “tutti gli uomini di buona volontà, che ogni giorno lavorano, con discrezione e pazienza, in famiglia e nella società per costruire un mondo più umano e più giusto, sostenuti dalla convinzione che solo con la pace c’è la possibilità di un futuro più prospero per tutti”.

About Luca Marcolivio

Roma, Italia Laurea in Scienze Politiche. Diploma di Specializzazione in Giornalismo. La Provincia Pavese. Radiocor - Il Sole 24 Ore. Il Giornale di Ostia. Ostia Oggi. Ostia Città (direttore). Eur Oggi. Messa e Meditazione. Sacerdos. Destra Italiana. Corrispondenza Romana. Radici Cristiane. Agenzia Sanitaria Italiana. L'Ottimista (direttore). Santini da Collezione (Hachette). I Santini della Madonna di Lourdes (McKay). Contro Garibaldi. Quello che a scuola non vi hanno raccontato (Vallecchi).

Share this Entry

Sostieni ZENIT

Se questo articolo ti è piaciuto puoi aiutare ZENIT a crescere con una donazione