Dona Adesso

Consacrata in Pakistan una nuova chiesa in area di famiglie povere

La nuova chiesa nel Punjab è dedicata a Santa Teresa Benedetta della Croce. Edificata con il sostegno della fondazione ‘Aiuto alla Chiesa che soffre’

Dopo le proteste e le persecuzioni ai danni dei cristiani, giunge dal Pakistan una buona notizia: il 17 gennaio è stata consacrata una nuova chiesa dedicata a Santa Teresa Benedetta della Croce a Pansara, nella diocesi di Faisalabad, nel Punjab pakistano.

Lo riferisce all’agenzia Fides padre Emmanuel Parvez, parroco a Pansara, cittadina a 25 km da Faisalabad, riferendo che la celebrazione di consacrazione è stata presieduta dal vescovo di Faisalabad, mons. Joseph Arshad.

Circa tre anni fa, padre Parvez aveva acquistato quattro ettari di terreno per accogliere 104 famiglie di poveri e senzatetto, lavoratori nel territorio del Punjab. Grazie all’aiuto della Conferenza Episcopale italiana, sono stati costruiti sul terreno alcuni moduli abitativi che accolgono oltre 200 famiglie, perlopiù cristiane.

“Vi era dunque bisogno di una chiesa in quell’area”, spiega il parroco a Fides. Con il sostegno anche dell’organizzazione di diritto pontificio “Aiuto alla Chiesa che Soffre”, è stata così edificata una chiesa dedicata a Santa Teresa Benedetta della Croce (Edith Stein). Una grande gioia quindi per i fedeli, che si sono detti “molto orgogliosi e felici per la nuova chiesa”.  

Il piano della comunità a Pansara non è finito: in una seconda fase “si vogliono affrancare queste famiglie che vivono una vita di schiavitù e miseria”, dice padre Emmanuel. Risultano infatti gravate da pesanti debiti contratti con i datori di lavoro, che essi ripagano con un lavoro massacrante e un salario minimo. Infine, sottolinea il parroco a Fides, “vogliamo fornire loro gli strumenti e la possibilità di lavorare e guadagnare il proprio pane con dignità e libertà”, aiutandoli ad avviare aziende agricole e permettendo ai loro figli di avere un’istruzione. 

About Redazione

Share this Entry

Sostieni ZENIT

Se questo articolo ti è piaciuto puoi aiutare ZENIT a crescere con una donazione