Dona Adesso

Comunione fraterna dei due Papi

Per la prima volta nella storia due Pontefici, Benedetto XVI e Francesco, manifestano la loro fedeltà e servizio a Dio e alla Chiesa. Hanno pregato insieme nello stesso banco

Benedetto XVI e Francesco si sono abbracciati, hanno pregato insieme nella stesso banco, hanno espresso la loro comune fedeltà e servizio a Dio ed alla Chiesa.

Secondo le informazioni fornite dalla Sala Stampa Vaticana, Papa Francesco ha lasciato la Domus Sanctae Marthae alle ore 11.45 di questa mattina e si è recato all’eliporto vaticano da dove è partito poco dopo mezzogiorno per recarsi a Castel Gandolfo in visita al Papa emerito Benedetto XVI.

Dopo un volo di circa 15 minuti, alle 12,15 circa, l’elicottero è atterrato nell’eliporto delle Ville pontificie di Castel Gandolfo.

Nella piazzola di atterraggio, Papa Francesco è stato accolto dal Papa emerito Benedetto XVI, da Monsignor Marcello Semeraro, Vescovo di Albano, e dal Dott. Saverio Petrillo, Direttore delle Ville pontificie.

Secondo il racconto di Padre Federico Lombardi, direttore della Sala Stampa Vaticana, il Santo Padre Francesco è sceso accompagnato dal Sostituto, monsignor Giovanni Angelo Becciu, da monsignor Leonardo Sapienza e dal segretario maltese monsignor Alfred Xuereb.

Ha precisato padre Lombardi che appena ha messo i piedi a terra, il Papa emerito Benedetto XVI, un po’ invecchiato e con un bastone per sorreggersi, si è avvicinato a Francesco e c’è stato un bellissimo abbraccio tra i due. Poi, dopo brevi saluti alle altre persone presenti, i due pontefici sono saliti in macchina.

Papa Francesco è salito alla destra, quindi nel posto classico del Pontefice, mentre il Papa emerito Benedetto XVI si è posto alla sinistra.

La macchina ha portato gli ospiti fino agli ascensori. I due Papi sono saliti nell’appartamento e si sono recati nella cappella per un momento di preghiera.

Dalle immagini trasmesse dalla Ctv si vede che nella cappella il Papa emerito Benedetto XVI ha offerto il posto d’onore a Papa Francesco, ma questo, prendendolo per mano gli ha detto: “Siamo fratelli”, e ha voluto che si inginocchiassero insieme allo stesso banco.

Impressionante l’immagine dei due Papi che pregano Maria inginocchiati sullo stesso banco.

Dopo la preghiera, i due Papi si sono spostati nella Biblioteca privata dove generalmente il Pontefice riceve gli ospiti importanti.

L’incontro riservato solo ai due Papi è iniziato verso le 12.30, ed è durato 45 minuti. Si è concluso alle 13,15. Papa Francesco si èrivolto al Papa emerito dandogli sempre del “lei.

Bello anche il momento in cui Papa Francesco ha offerto al Papa emerito una icona della Madonna dell’umiltà . “È un’immagine che non conoscevo – ha detto Papa Francesco a Benedetto XVI -. Mi hanno detto che si chiama la Madonna dell’umiltà e io ho pensato a lei”.

Il Papa Emerito Benedetto XVI si è commosso e stringendo con affetto la mano di Papa Francesco gli ha detto “grazie, grazie”.

Padre Lombardi ha precisato che per quanto riguarda l’abbigliamento il Papa emerito indossava una semplice talare bianca, senza fascia e senza mantelletta. Anche Papa Francesco vestiva di bianco ma con una mantelletta e la fascia che distingue il Papa regnante.

Per il pranzo, insieme a Benedetto XVI e Francesco Papi hanno assistito i due segretari, cioè monsignor Gänswein e monsignor Xuereb.

Il Direttore della Sala Stampa Vaticana ha rilevato che questo è stato il primo incontro di persona dei due pontefici.

In questi primi dieci giorni di pontificato Papa Francesco ha già rivolto molte volte il suo pensiero al Papa emerito Benedetto XVI.

Lo ha ricordato già dalla Loggia delle Benedizioni, appena eletto la sera del 13 marzo.

Papa Francesco per due volte ha telefonato al papa emerito Benedetto XVI: la sera stessa dell’elezione e il giorno di San Giuseppe per fare gli auguri di onomastico.

Da parte sua il Papa emerito Benedetto XVI, in occasione dell’incontro con i cardinali, il 28 febbraio, aveva manifestato la sua incondizionata riverenza e obbedienza al suo successore.

Secondo Padre Lombardi l’incontro dei due Papi è stato un momento di “altissima, profondissima comunione” e il Papa emerito “ha avuto certamente modo di rinnovare questo suo atto di riverenza e di obbedienza al suo successore”, mentre – ha continuato padre Lombardi – certamente Papa Francesco “ha rinnovato la gratitudine sua e di tutta la Chiesa per il ministero svolto da Papa Benedetto XVI nel corso del suo pontificato”.

L’elicottero con Papa Francesco è ripartito da Castel Gandolfo alla volta del Vaticano, alle ore 14.42.

About Antonio Gaspari

Cascia (PG) Italia Studi universitari a Torino facoltà di Scienze Politiche. Nel 1998 Premio della Fondazione Vittoria Quarenghi con la motivazione di «Aver contribuito alla diffusione della cultura della vita». Il 16 novembre del 2006 ho ricevuto il premio internazionale “Padre Pio di Pietrelcina” per la “Indiscutibile professionalità e per la capacità discreta di fare cultura”. Il Messaggero, Il Foglio, Avvenire, Il Giornale del Popolo (Lugano), La Razon, Rai tre, Rai due, Tempi, Il Timone, Inside the Vatican, Si alla Vita, XXI Secolo Scienza e Tecnologia, Mondo e Missione, Sacerdos, Greenwatchnews. 1991 «L'imbroglio ecologico- non ci sono limiti allo sviluppo» (edizioni Vita Nuova) . 1992  «Il Buco d'ozono catastrofe o speculazione?» (edizioni Vita Nuova). 1993 «Il lato oscuro del movimento animalista» (edizioni Vita Nuova). 1998 «Los Judios, Pio XII Y la leyenda Negra» Pubblicato da Planeta in Spagna. 1999 «Nascosti in convento» (Ancora 1999). 1999 insieme a Roberto Irsuti il volume: «Troppo caldo o troppo freddo? - la favola del riscaldamento del pianeta» (21mo Secolo). 2000 “Da Malthus al razzismo verde. La vera storia del movimento per il controllo delle nascite” (21mo Secolo, Roma 2000). 2001 «Gli ebrei salvati da Pio XII» (Logos Press). 2002 ho pubblicato tre saggi nei volumi «Global Report- lo stato del pianeta tra preoccupazione etiche e miti ambientalisti» (21mo Secolo, Roma 2002). 2002 ho pubblicato un saggio nel nel Working Paper n.78 del Centro di Metodologia delle scienze sociali della LUISS (Libera Università Internazionale degli Studi Sociali Guido Carli di Roma) «Scienza e leggenda, l’informazione scientifica snobbata dai media». 2003 insieme a VittorFranco Pisano il volume “Da Seattle all’ecoterrorismo” (21mo Secolo, Roma 2003). 2004 ho pubblicato insieme a Riccardo Cascioli “Le Bugie degli Ambientalisti” (Edizioni Piemme). 2004 coautore con del libro  “Emergenza demografia. Troppi? Pochi? O mal distribuiti?” (Rubbettino editore). 2004 coautore con altri del libro “Biotecnologie, i vantaggi per la salute e per l’ambiente” ((21mo Secolo, Roma 2004). 2006 insieme a Riccardo Cascioli “Le Bugie degli Ambientalisti 2” (Edizioni Piemme). 2008 insieme a Riccardo Cascioli il libro “Che tempo farà… Falsi allarmismi e menzogne sul clima (Piemme). 2008, è stata pubblicata l’edizione giapponese de “Le bugie degli ambientalisti” edizioni Yosensha. 2009. insieme a Riccardo Cascioli “I padroni del Pianeta – le bugie degli ambientalisti su incremento demografico, sviluppo globale e risorse disponibili” (Piemme). 2010 insieme a Riccardo Cascioli, è stato pubblicato il volume “2012. Catastrofismo e fine dei tempi” (Piemme). 2011 Questo volume è stato pubblicato anche in Polonia con l’imprimatur della Curia Metropolitana di Cracovia per le e3dizioni WYDAWNICTTWO SW. Stanislawa BM.

Share this Entry

Sostieni ZENIT

Se questo articolo ti è piaciuto puoi aiutare ZENIT a crescere con una donazione