Dona Adesso

Buon Samaritano / Pixabay CC0 - falco, Public Domain

Come te stesso

Il modo migliore per amare te stesso è di amarti nel prossimo. Il modo migliore per amare il prossimo è di amarlo in te stesso

E’ importante imparare fin dalle elementari come per valutare il peso, il valore, la sostanza delle cose, delle realtà della vita sia necessario avere un’unità di misura uguale per tutti. Unità di misura in ogni parte del mondo uguale per intendersi.

Dal catechismo ho appreso un’unità di misura che non trova riscontri in nessun metro umano: ama il prossimo come te stesso; amatevi come io vi amo.

Stupisce l’eccezionalità e l’originalità di questa misura data all’amore: ama “come” Dio ama me, te, noi; e ama “come” tu ami te stesso.

Ho assistito ad una catena di correzioni e di rimproveri che Andy ha ricevuto da un suo compagno e superiore. Le mancanze più o meno gravi erano vere; gli sbagli erano stati realmente commessi.

Andy andando a dormire alla sera passò in rassegna nella sua mente questi piccoli o grandi sbagli della sua vita. Ad uno ad uno, uno per uno…a ciascuno trovando il modo di relativizzare, di minimizzarne la colpevolezza…tanto da scusarli tutti…Addirittura scoprendone il positivo per lui stesso e per gli altri…

Sbigottito, disse a se  stesso: Quanta misericordia…ho scoperto di avere per me stesso!

“Come te stesso” ama e perdona il tuo prossimo. Come te stesso…; il prossimo sei tu stesso. Allora il modo migliore per amare te stesso è di amarti nel prossimo. Il modo migliore per amare il prossimo è di amarlo in te stesso.

Ciò che fai a Gesù nel prossimo, lo fai a Gesù in te.

Ciao da p. Andrea

Per richiedere copie dei libretti di padre Andrea Panont e per ogni approfondimento si può cliccare qui.

About Andrea Panont

Share this Entry

Sostieni ZENIT

Se questo articolo ti è piaciuto puoi aiutare ZENIT a crescere con una donazione