Dona Adesso

Pixabay CC0 - PIX1861, Public Domain

Come il fiume

Sempre pronto ad accogliere e distribuire quell’acqua che il cielo e le montagne vorranno donare alla terra

Ti sei mai chiesto chi sia più ricco e insieme più povero d’un fiume in piena? Il fiume è pieno e ricco d’acqua fino all’orlo…ma ne è anche povero perchè non la trattiene e la lascia scorrere. Continuamente si rinnova perché sempre dona l’acqua che continuamente riceve. La sua acqua sta perché  sempre passa.

Se la trattenesse cesserebbe di essere se stesso; non può possederla perché il suo letto nasce dall’alto ed è un continuo piano inclinato per poter scorrere e soccorrere chiunque incontri lungo le sponde.

Il fiume è paziente…perché sopporta il peso di tronchi che vanno dal bosco alla segheria e, con una calma e serena navigazione, sostiene le più varie  imbarcazioni.

Per definizione è quel vuoto che permette ai ghiacciai, sciolti al calore del sole, di andare lontano, fino al mare.

E’ contento quando può donare la sua acqua a beneficio delle campagne che attraversa. E’ soddisfatto quando può entrare nei mulini per trasformare il grano in pane e quando disseta attraversando paesi e città.  

Il fiume è ricco di pesci, ma non ne inghiotte nessuno, felice solo di sfamare chi, pescando, si affianca al suo corso per raccogliere un boccone.

Non piove? I ghiacciai non si sciolgono?…

Ad ogni siccità il fiume mantiene un’olimpica calma, una pacifica, costante disponibilità; pronto sempre ad accogliere e distribuire quell’acqua che il cielo e le montagne vorranno donare alla terra.

A dirti il vero mi sembra interessante e da imitare la vita del fiume.

Ciao da p. Andrea

Per richiedere copie dei libretti di padre Andrea Panont e per ogni approfondimento si può cliccare qui.

About Andrea Panont

Share this Entry

Sostieni ZENIT

Se questo articolo ti è piaciuto puoi aiutare ZENIT a crescere con una donazione