Dona Adesso

Cina: lo Stato riconosce gli studi nei Seminari

La decisione è arrivata quest’anno. Intanto sono 79 i seminaristi che hanno ricevuto il baccalaureato

È da poco terminato l’anno accademico per i sei Seminari maggiori della Cina autorizzata dalle autorità. Sono 79 i seminaristi che quest’anno hanno ricevuto il baccalaureato ed ora sono stati destinati alle parrocchie e alle diverse comunità ecclesiali di base, per collaborare nelle attività pastorali e nei diversi servizi offerti dalla Chiesa. Secondo le informazioni pervenute all’agenzia Fides, 28 di loro appartengono al Seminario nazionale, 16 al Seminario dell’He Bei, 8 al Seminario della Cina centrale e meridionale, 15 al Seminario di Shen Yang, 9 al Seminario dello Shaan Xi, 3 al Seminario di Pechino. I Seminari di Ji Lin e del Si Chuan quest’anno non hanno avuto studenti da diplomare.

Fides fa inoltre notare che da quest’anno Pechino riconosce validità agli effetti civili del certificato di baccalaureato rilasciato dai Seminari. Questo concede ai neolaureati che desiderano proseguire gli studi in materie attinenti al ministero parolare di inserirsi nel mondo accademico. Allo stesso tempo i giovani che hanno seguito gli studi in seminario e poi, in seguito al discernimento, hanno scelto di non proseguire il cammino verso il sacerdozio, possono più agevolmente inserirsi nella società, essendo in possesso di un titolo di studio superiore riconosciuto. Da rilevare che in Cina esistono anche altri luoghi di formazione seminaristica autorizzati dai vescovi che provvedono alla formazione di sacerdoti, religiosi e religiose.

About Redazione

Share this Entry

Sostieni ZENIT

Se questo articolo ti è piaciuto puoi aiutare ZENIT a crescere con una donazione