Dona Adesso

Pixabay CC0 - Skeeze, Public Domain

Chiasso o preghiera

Dio unicamente non tollera il chiasso assordante di preghiere espresse senza l’accordo di cuori

Una sera, proprio durante l’ora di preghiera, nella nostra chiesa, sono stati chiamati alcuni operai e muratori ad aggiustare una parete.

Contemporaneamente due cori: i religiosi che riempivano le navate della chiesa con la loro voce, impegnati a cantare i salmi; gli operai che dovevano trapanare, piallare, martellare, schiodare, inchiodare.

Chiassosa in chiesa la preghiera dei religiosi, o chiassosi gli strumenti degli operai? Quali dei due “cori” faceva orazione e quali le preghiere più valide davanti a Dio?  

Gli operai forse disturbavano i religiosi con il loro chiasso, o forse facevano orazione col rumore degli strumenti del loro lavoro. Chi disturbava di più? Chi pregava meglio? I religiosi forse disturbavano gli operai col rumore gutturale dei loro canti.

Chi pregava meglio, di più? Facilmente tutti, in modo diverso, pregavano stando in comunione tra loro.

Al Cielo arriva comunque la preghiera che parte dal coro dei cuori: non importa se  espressa dal canto dei salmi o dal chiasso del trapano, della pialla, del martello.

Dio unicamente non tollera il chiasso assordante di preghiere espresse senza l’accordo di cuori.

Ciao da p. Andrea

Per richiedere copie dei libretti di padre Andrea Panont e per ogni approfondimento si può cliccare qui.

About Andrea Panont

Share this Entry

Sostieni ZENIT

Se questo articolo ti è piaciuto puoi aiutare ZENIT a crescere con una donazione