Dona Adesso

Chi era veramente Gesù di Nazareth?

Il figlio di Dio vissuto più di duemila anni fa, morto in Croce e poi resuscitato, continua a inquietare la ragione e il cuore di milioni di persone. Intervista al teologo don Gesualdo De Luca

È vissuto più di 2000 anni fa. Diceva di essere il Figlio di Dio e per questa sua “presunzione” venne condannato a morire in Croce. I suoi seguaci annunciarono la sua resurrezione. Non ha lasciato niente di scritto. Le persone a Lui più vicine hanno raccontato di quello che diceva e faceva. Non era un intellettuale, né un filosofo, non cercava i potenti ed i ricchi, anzi si rivolgeva ai poveri, ai malati, ai disperati, ai peccatori.

La sua vicenda è così straordinaria che è difficile pensare che qualche uomo possa averla inventata. Le sue parole trascritte e riportate dai Vangeli sono così sagge da colpire e stupire il cuore e la mente di miliardi di persone ancora oggi. Insomma, c’è chi crede a questa storia così incredibile al punto da orientare la propria vita secondo gli insegnamenti e le indicazioni di Gesù di Nazareth. Ed anche chi non crede a questa storia, prende sul serio Gesù e prova a dimostrare che la sua storia è un mito inventata dai seguaci e non corrisponde a realtà.

Per trovare risposta ai tanti misteri che avvolgono ancora la figura di Gesù di Nazareth, ZENIT ha intervistato don Gesualdo De Luca, teologo, assistente ecclesiastico regionale del Movimento Apostolico per la Calabria; parroco e vicario episcopale nell’arcidiocesi di Catanzaro-Squillace, è anche assistente spirituale diocesano dell’Ente Nazionale Sordi.

***

Chi era veramente Gesù?

Gesù è il figlio di Maria di Nazareth, concepito per opera dello Spirito Santo. Questa identità umana, terrena – o semplicemente la carne –, è stata assunta dal Verbo eterno o Figlio Unigenito del Padre.

Era veramente il figlio di Dio?

Che sia veramente il Figlio di Dio lo attesta in modo inequivocabile il Vangelo secondo Giovanni. Non solo è il Figlio di Dio. Lui stesso è Dio eterno. Chi si fa carne è il Verbo Eterno che è in principio, che in principio è presso Dio, che in principio è Dio.

Quali sono gli argomenti, le storie, gli avvenimenti che dimostrano che fosse veramente il figlio di Dio?

Al di là degli argomenti che sono tutta la sua vita vissuta in mezzo a noi, lo attesta la sua gloriosa risurrezione. La risurrezione è la conferma e l’attestazione da parte del Padre che ogni Parola di Gesù è purissima verità. Lo attesta ogni Parola del Vangelo ed ogni suo miracolo. Oggi lo attesta l’Eucaristia. Lo attesta ogni profezia dell’Antico Testamento che infallibilmente si compie. Lo attesta ogni santo e ogni martire di Cristo. Lo attesta ogni cristiano che decide di vivere il Vangelo: infatti nessun uomo, lasciato alle sole sue forze, potrà mai vivere una sola Parola di Cristo Gesù.

Gesù Cristo ha tanto predicato e parlato ma non ha scritto nulla. Perché?

Gesù non ha scritto nulla perché ha affidato la Parola non agli uomini, ma al suo Santo Spirito. Ad esempio: Paolo non ha conosciuto Cristo Signore, non è andato alla scuola degli Apostoli. Eppure conosce profondamente Cristo perché lo ha “letto” nel Libro dello Spirito Santo, nel quale lui abitava. Lo Spirito era la sua biblioteca sempre aggiornata all’ultima volontà del Padre e di Cristo Signore.

La fonte principale della storia e delle sue parole le abbiamo dai Vangeli. Cioè dagli apostoli che hanno riportato le parole che hanno ascoltato da Cristo.  Come è stato possibile che persone semplici abbiano incontrato uno che diceva di essere il figlio di Dio che è morto in Croce e che è resuscitato? Gesù è stato capace di infiammare così tanto il cuore di questi primi apostoli, al punto tale che hanno convertito il mondo intero? Oggi il cristianesimo è la religione più diffusa al mondo. Cosa può dirci in proposito?

Chi legge i Vangeli sa che gli Apostoli pur vivendo a contatto con Cristo hanno compreso poco di Lui. La loro comprensione è naufragata sulla croce. Esempio di questo naufragio sono i discepoli di Emmaus. Dai Vangeli sappiamo anche che gli Apostoli non hanno creduto in Cristo neanche dopo averlo visto risorto. Matteo ci rivela che anche in Galilea, prima della missione, alcuni ancora dubitavano. Il Vangelo secondo Luca ci rivela che tutto è cambiato quando Gesù ha aperto la mente dei discepoli alla comprensione della Scrittura. È questo il vero segreto del cambiamento: leggere la Parola Antica di Dio con gli occhi dello Spirito. Tutte le Parole di Dio, le profezie, gli oracoli, le promesse – e le profezie esplicite sono più di ottanta, e attraversano tutto l’arco dell’Antico Testamento –, si compiono in Gesù di Nazaret. Se poi leggiamo gli Atti degli Apostoli notiamo che la Chiesa non è condotta dalla Parola, ma dallo Spirito Santo che dona di volta in volta la Parola da annunziare e anche manda dalle persone cui la Parola va annunziata. La forza della Chiesa non è il Vangelo, è invece lo Spirito Santo che ci dona oggi il Vangelo nella sua verità piena. Ma anche la storia della Chiesa attesta la stessa verità; i suoi santi non sono nati dal Vangelo, ma dallo Spirito Santo, da Cristo Signore, dalla Vergine Maria: il Vangelo parla di Cristo alle menti, lo Spirito Santo invece scrive Cristo nei cuori. Finché questa scrittura non avviene, il Vangelo rimane nella mente, ma non entra nei cuori. Per la conversione sempre è necessario che lo Spirito Santo scriva Cristo nei cuori, secondo l’Antica Profezia di Geremia: “Scriverò la mia legge – cioè Cristo Gesù –, nei loro cuori”.

Ci sono molte cose che non sono chiare. Perché il figlio di Dio ha aspettato fino a trenta anni per iniziare la vita pubblica?

La missione dei veri profeti non è dalla volontà dell’uomo: i tempi mai sono stabiliti dagli uomini. Abramo aveva settantacinque anni quando lasciò il paese di Carran. Mosè inizia la sua missione a ottant’anni. Samuele fu chiamato quando era giovanissimo. Anche Davide era quasi un ragazzo quando è stato chiamato. Amos era persona matura. Geremia era un giovane timido e pauroso. San Paolo ci rivela che Gesù ha compiuto la redenzione quando venne la pienezza del tempo. Il tempo è uno dei più grandi misteri nel quale un uomo è chiamato a vivere. Noi forse conosciamo il perché viviamo in questo tempo e non in un altro?

Dalla visita al tempio fino ai trenta anni che cosa ha fatto Gesù?

Il vangelo ci dice che in questi anni “Gesù cresceva, in età, sapienza e grazia, davanti a Dio ed agli uomini”. C’è una crescita armonica, in tutte le dimensioni della persona che è visibile, sperimentabile, perché non è solo davanti a Dio, ma anche davanti agli uomini.

È presumibile che abbia intessuto relazioni, che abbia avuto amici, che abbia parlato con tante persone. Poi però quando ha iniziato la vita pubblica è andato a cercare dei pescatori che erano a lui sconosciuti ed in pochi anni li ha trasformati in apostoli imbattibili, capaci di affrontare il martirio con lo stesso spirito con cui egli aveva accettato la Croce. Cosa ci può dire in proposito?

Il Padre ha donato al suo Figlio la missione di salvare l’uomo: ogni uomo, di ogni tempo. L’uomo si salva attraverso la carne, il corpo. È questo il duplice miracolo di Gesù: ha “moltiplicato” il suo corpo nell’Eucaristia e tutti possono mangiare di Lui per vivere per Lui; ha “moltiplicato” lo stesso suo corpo nei suoi apostoli e nei loro successori. In ogni Apostolo e suo successore è Cristo che vive ed è Cristo che opera e così può compiere la sua missione sino alla fine della storia. Come nell’Eucaristia si deve offrire il pane e il vino perché siano trasformati in corpo e sangue di Cristo, così nel sacerdozio ministeriale – in modo diverso anche nel battezzato e nel cresimato, anche loro sacerdoti, re e profeti – è necessario che il corpo venga offerto, non una sola volta, al momento della consacrazione, ma ogni giorno. Quando l’offerente non si offre più, Cristo Gesù, pur essendosi fatto corpo dell’offerente, non può più agire perché l’offerente non fa la sua offerta.

[La seconda parte di questa intervista verrà pubblicata domani]

About Antonio Gaspari

Cascia (PG) Italia Studi universitari a Torino facoltà di Scienze Politiche. Nel 1998 Premio della Fondazione Vittoria Quarenghi con la motivazione di «Aver contribuito alla diffusione della cultura della vita». Il 16 novembre del 2006 ho ricevuto il premio internazionale “Padre Pio di Pietrelcina” per la “Indiscutibile professionalità e per la capacità discreta di fare cultura”. Il Messaggero, Il Foglio, Avvenire, Il Giornale del Popolo (Lugano), La Razon, Rai tre, Rai due, Tempi, Il Timone, Inside the Vatican, Si alla Vita, XXI Secolo Scienza e Tecnologia, Mondo e Missione, Sacerdos, Greenwatchnews. 1991 «L'imbroglio ecologico- non ci sono limiti allo sviluppo» (edizioni Vita Nuova) . 1992  «Il Buco d'ozono catastrofe o speculazione?» (edizioni Vita Nuova). 1993 «Il lato oscuro del movimento animalista» (edizioni Vita Nuova). 1998 «Los Judios, Pio XII Y la leyenda Negra» Pubblicato da Planeta in Spagna. 1999 «Nascosti in convento» (Ancora 1999). 1999 insieme a Roberto Irsuti il volume: «Troppo caldo o troppo freddo? - la favola del riscaldamento del pianeta» (21mo Secolo). 2000 “Da Malthus al razzismo verde. La vera storia del movimento per il controllo delle nascite” (21mo Secolo, Roma 2000). 2001 «Gli ebrei salvati da Pio XII» (Logos Press). 2002 ho pubblicato tre saggi nei volumi «Global Report- lo stato del pianeta tra preoccupazione etiche e miti ambientalisti» (21mo Secolo, Roma 2002). 2002 ho pubblicato un saggio nel nel Working Paper n.78 del Centro di Metodologia delle scienze sociali della LUISS (Libera Università Internazionale degli Studi Sociali Guido Carli di Roma) «Scienza e leggenda, l’informazione scientifica snobbata dai media». 2003 insieme a VittorFranco Pisano il volume “Da Seattle all’ecoterrorismo” (21mo Secolo, Roma 2003). 2004 ho pubblicato insieme a Riccardo Cascioli “Le Bugie degli Ambientalisti” (Edizioni Piemme). 2004 coautore con del libro  “Emergenza demografia. Troppi? Pochi? O mal distribuiti?” (Rubbettino editore). 2004 coautore con altri del libro “Biotecnologie, i vantaggi per la salute e per l’ambiente” ((21mo Secolo, Roma 2004). 2006 insieme a Riccardo Cascioli “Le Bugie degli Ambientalisti 2” (Edizioni Piemme). 2008 insieme a Riccardo Cascioli il libro “Che tempo farà… Falsi allarmismi e menzogne sul clima (Piemme). 2008, è stata pubblicata l’edizione giapponese de “Le bugie degli ambientalisti” edizioni Yosensha. 2009. insieme a Riccardo Cascioli “I padroni del Pianeta – le bugie degli ambientalisti su incremento demografico, sviluppo globale e risorse disponibili” (Piemme). 2010 insieme a Riccardo Cascioli, è stato pubblicato il volume “2012. Catastrofismo e fine dei tempi” (Piemme). 2011 Questo volume è stato pubblicato anche in Polonia con l’imprimatur della Curia Metropolitana di Cracovia per le e3dizioni WYDAWNICTTWO SW. Stanislawa BM.

Share this Entry

Sostieni ZENIT

Se questo articolo ti è piaciuto puoi aiutare ZENIT a crescere con una donazione