Dona Adesso

Cardinal Cipriani: un politico abortista non è affidabile

LIMA, venerdì, 4 febbraio 2011 (ZENIT.org).- Il Cardinale Juan Luis Cipriani, Arcivescovo di Lima (Perù), ha affermato che “quanti vogliono uccidere i bambini non sono preparati a governare”, in risposta alle posizioni favorevoli all’aborto di uno dei candidati alla Presidenza della Repubblica del Perù nelle elezioni convocate per il 10 aprile.

Il porporato ha risposto in questo modo alle polemiche proposte di legalizzazione dell’aborto e della droga presentate dal candidato di Perù Possibile, Alejandro Toledo, che ha poi cercato di sfumare o rettificare la sua posizione.

“Quando parliamo di aborto si tratta di eliminare una vita, e la Chiesa ci dice – quinto comandamento – di non uccidere”.

“La posizione della Chiesa non è oggetto di una religione solamente, perché l’aborto va contro la legge naturale, che ti dice di rispettare la vita dal primo istante del concepimento”, ha commentato nel suo programma radiofonico “Dialogo di Fede”.

L’Arcivescovo di Lima ha anche ricordato che la Costituzione Politica del Perù difende la vita fin dal primo istante del concepimento, riconoscendo il concepito come soggetto di diritto.

“Per fortuna la gente semplice ha ancora questa sensibilità, vuole i propri figli, li alleva e li ama. Nell’istante stesso del concepimento c’è un essere umano”.

“Mettiti tu in prima linea come volontario per la morte, ma non decidiamo in una campagna politica chi nascerà e chi non nascerà”, ha aggiunto.

Quanto alle posizioni che sostengono che la madre “ha la libertà di abortire”, il porporato ha ricordato che in questo tema delicato sono in gioco due libertà: quella della madre e quella del concepito, soggetto di diritto.

“Siamo noi a dover difendere la libertà della creatura”, ha commentato. “La creatura non ha voce, e la medicina dice che c’è una vita separata dalla donna. Non possiamo neanche lontanamente stabilire alcun tipo di regola per eliminare una vita; questo si chiama aborto”.

“Posso assicurare che il dramma di un aborto accompagna per tutta la vita”, ha proseguito. “L’esperienza sacerdotale me lo dice, moltissime donne vivono tutta la vita in processi psicologici per riprendersi da un aborto”.

Allo stesso modo, il Cardinale ha lamentato la proposta di legalizzare il consumo di droghe, ricordando che gli stupefacenti sono “un vizio che distrugge le famiglie”.

About Redazione

Share this Entry

Sostieni ZENIT

Se questo articolo ti è piaciuto puoi aiutare ZENIT a crescere con una donazione