Dona Adesso

Card. Kurt Koch - ©ZENIT HSM

Card. Koch: “Benedetto XVI ci insegna la ‘sinfonia’ di amore e verità nella libertà”

In occasione dei 90 anni del Papa emerito, presentato a Roma ‘Cooperatores Veritatis’, un libro che raccoglie i contributi di 13 studiosi che hanno ricevuto il Premio Ratzinger

In occasione del 90esimo compleanno del Papa emerito Benedetto XVI, il 16 aprile 2017, è stato presentato ieri, 6 aprile 2017, presso l’Istituto Patristico a Roma Agutinianum, il libro ‘Cooperatores Veritatis’ da padre Federico Lombardi, presidente della Fondazione Ratzinger, e Pierluca Azzaro. Il volume raccoglie i contributi di 13 studiosi a cui dal 2011 ad oggi è stato assegnato il ​​Premio Ratzinger.

Il cardinale Kurt Koch, presidente del Pontificio Consiglio per la Promozione dell’Unità dei Cristiani e membro del Comitato Scientifico della Fondazione, ha parlato sul tema “Una sinfonia di amore e verità nella libertà. Joseph Ratzinger/Benedetto XVI testimone grato della fede pasquale””, approfondendo proprio i concetti di amore, verità e libertà, nel pensiero del Papa emerito.

“Solo se la verità e l’amore sono d’accordo, l’uomo può essere felice: solo con la verità diventa libero.” Con queste parole pronunciate dal Ratzinger cardinale, Kurt Koch ha condensato in una formula il nucleo del suo pensiero teologico.

Tra i vari temi affrontati dal cardinale, l’amore di Ratzinger per “la liturgia celebrata nella sua bellezza”, perché “ha sempre sentito il primato di Dio nella liturgia”. Egli ha anche notato i suoi sforzi per portare alla mente il pensiero del Vaticano II “dando un’interpretazione autentica per la ricezione nella vita della Chiesa”, fare “un’ermeneutica della riforma”. Per rinnovare la Chiesa dalle sorgenti cioè sin dal suo inizio. Il Consiglio, ha detto, aveva il compito di “proclamare la verità e la bellezza della fede” ed era necessario farlo “senza sacrificare il presente.”

Egli ha anche ricordato la dimensione ecumenica di Benedetto XVI, che ha eseguito nel 2011 in Germania, una visita al monastero agostiniano di Erfur, dichiarando che nel “cristocentrismo di Lutero” non si crede a un Dio qualsiasi, ma a Gesù. “Un magistero ecumenico coerente”, ha detto.

Nel libro il Cardinale ricorda “la felice coincidenza del 90esimo compleanno con la Festa della Risurrezione del Signore, la festa di tutte le feste cristiane”, la Pasqua. Egli ha ricordato inoltre che “il 16 aprile 1927, Sabato Santo”, fu battezzato Ratzinger.

About Sergio Mora

Share this Entry

Sostieni ZENIT

Se questo articolo ti è piaciuto puoi aiutare ZENIT a crescere con una donazione