Dona Adesso

“Caratteri del Padre”, omaggio a Giovanni Paolo II

Da giovedì 3 aprile, nel Complesso Monumentale di San Salvatore in Lauro la mostra di Enrico Benetta, in collaborazione con la Pontificia Università della Santa Croce e la Biblioteca Angelica

Si apre giovedì 3 aprile, alle 17.30, nel Complesso Monumentale di San Salvatore in Lauro la mostra di Enrico Benetta “Caratteri del Padre“. L’esposizione è promossa dal Pio Sodalizio dei Piceni e dalla Delegazione Pontificia della Santa Casa di Loreto in collaborazione con la Pontificia Università della Santa Croce e la Biblioteca Angelica.

La mostra è allestita nella Sala Capitolare del Complesso Monumentale ma due altri luoghi ne fanno intimamente parte: la Pontificia Università della Santa Croce e la Biblioteca Angelica.

“Il filo conduttore di questa unica mostra articolata in tre luoghi distinti che si compongono in unità è la fede, la figura della Madonna nell’accezione che Giovanni Paolo II ci ha insegnato, questa dedica estrinsecata nel suo motto papale, Totus Tuus, e la passione di Cristo legata alla passione della madre”, spiega Enrico Benetta. “Questo è il discorso mariano che emerge preponderante, ma ricordo anche e soprattutto il Padre Nostro, declinato nelle varie lingue del mondo”.

I caratteri bodoniani, un tipo di carattere inconfondibile, caratterizzato da linee spesse e linee sottili sono il canale espressivo di Enrico Benetta. Le lettere, “atomi di un pensiero da costruire”, sono fonte e materia delle composizioni dell’artista, frammenti di racconti e storie da leggere. “Le lettere che in sequenza formano parole, frasi, libri nell’accezione di Bodoni hanno anche una profonda valenza artistica, la cui compiutezza è tale anche nel singolo carattere”, spiega Benetta. “I quattro elementi con cui Bodoni ha costruito il carattere tipografico, cioè bellezza, raffinatezza, eleganza e grazia, fanno parte anche della mia vita”.

Oggetto della mostra è l’Oratio Dominica, la preghiera insegnata da Gesù Cristo ai discepoli (Mt 6,9-13), il Padre Nostro stampato in 155 lingue diverse, nei caratteri ridisegnati da Giambattista Bodoni, di cui nel 2013 si è celebrato il bicentenario della morte, che l’autore pubblicò nel 1806 per celebrare il viaggio a Parigi di Pio VII in occasione dell’incoronazione a imperatore di Napoleone.

Scrive la direttrice della Biblioteca Angelica, Fiammetta Terlizzi, nella sua introduzione al libro “Caratteri del Padre” realizzato per l’esposizione della mostra l’anno scorso presso il Museo – Antico Tesoro di Loreto, a proposito dei caratteri inventati dal Bodoni durante la sua direzione della Tipografia Reale di Parma: “Questi vennero denominati “con grazie” – in inglese “serif fonts” – poiché caratterizzati alle estremità da allungamenti ortogonali detti in gergo tipografico “grazie”… Coadiuvato dai suoi migliori allievi, egli disegnò anche nuovi caratteri tipografici molto più sottili, grazie ai progressi nella tecnica di fusione dei metalli, e inoltre, creò nuovi inchiostri più fluidi e colorati”. La Biblioteca Angelica conserva la famosa “Collezione Bodoniana”.

La mostra del Complesso Monumentale è il cuore dell’evento. All’interno del chiostro sono appese su tiranti tutte le lettere tipografiche bodoniane, in sospensione come se fossero in cerca di un nuovo libro per raccontare una nuova storia. Nella sala principale sono poste le dieci tavole del Padre Nostro in dieci lingue diverse, tavole tratte dall’Oratio Dominica. Al centro troviamo un’installazione dedicata alla Santa Casa di Loreto, alla Sala dell’Annunciazione dove il Verbo si è fatto carne. In un’altra sala, accanto a un vecchio torchio, un’installazione dove sono collocati dei libri di ferro, pagine di ferro che sembrano mosse dal vento a denotare leggerezza, dove è inciso il Padre Nostro.

All’interno della Pontificia Università della Santa Croce troviamo un’installazione dedicata a Giovanni Paolo II: “Io ho partecipato a due Giornate Mondiali della Gioventù, nel 1997 e nel 2000: ricordo  lo sguardo con cui il Papa abbracciava tutti noi. Ho voluto ricreare l’idea di questo abbraccio con una struttura a semicerchio dove sarà interpretato il suo motto Totus Tuus in lettere bodoniane e vi sarà il volto di Giovanni Paolo II stilizzato che renderà l’idea di questo sguardo che avvolge e che abbraccia”.

Infine, all’interno della Biblioteca Angelica ci saranno sette gocce di varie dimensioni che saranno appese sui tiranti della Biblioteca, ispirate alle sette ultime parole di Cristo sulla Croce. In corrispondenza delle gocce, sotto, dei quadri che sembrano formati dalle gocce di lettere e di colore, gocce che avranno una leggera sfumatura di rosso a ricordare la Passione di Cristo nella Pasqua”.

About Redazione

Share this Entry

Sostieni ZENIT

Se questo articolo ti è piaciuto puoi aiutare ZENIT a crescere con una donazione