Dona Adesso

Brasile: ucciso un sacerdote di origine italiana

BRASILIA/CITTA’ DEL VATICANO, venerdì, 31 marzo 2006 (ZENIT.org).- Don Bruno Baldacci, un sacerdote sessantatreenne di origine italiana della diocesi brasiliana di São Salvador da Bahia, è stato ucciso nella notte tra mercoledì e giovedì nella sua abitazione a Victoria da Conquista, nello Stato di Bahia.

Un altro nome si aggiunge dunque a quelli di quanti “… sono caduti sulle frontiere dell’evangelizzazione e del servizio all’uomo”, come ha detto domenica scorsa in occasione dell’Angelus Benedetto XVI, e la cui testimonianza e il cui sacrificio “… ci è di edificazione e di sprone a un impegno evangelico sempre più sincero e generoso”.

Don Bruno viveva da 42 anni in Brasile, dove era stato ordinato sacerdote nel 1968, e da oltre vent’anni risiedeva nella parrocchia di Nossa Senhora das Candelas. Secondo quanto la polizia locale ha riferito ai familiari del sacerdote – tre sorelle e un fratello, che vivono a La Spezia –, il movente del delitto è ancora ignoto.

Il parroco di Nossa Senhora das Candelas, don Edilberto Amorin, in alcune dichiarazioni pubblicate da “L’Osservatore Romano” (1° aprile) ha detto che don Bruno “non si era mai preoccupato per la sua sicurezza personale”, nonostante le numerose minacce ricevute a causa del suo impegno al servizio dei più poveri e soprattutto per strappare i giovani tossicodipendenti alla schiavitù della droga.

About Redazione

Share this Entry

Sostieni ZENIT

Se questo articolo ti è piaciuto puoi aiutare ZENIT a crescere con una donazione