Dona Adesso
Centro Archeologico Museale di Triscina di Selinunte

Guardia di Finanza Bolzano

Bolzano: truffa da 30 milioni. Arrestato monsignore di origini argentine

Il prelato accusato di riciclaggio di soldi destinati a fondazione di beneficenza. Quasi 400 le vittime della truffa. Sequestrati beni per oltre 10 milioni

Un monsignore di origine argentina, Patrizio Benvenuti, 64 anni, è stato arrestato dalla Guardia di finanza di Bolzano con l’accusa di una truffa per 30 milioni di euro raccolti a metà tra beneficenza e investimenti finanziari e finiti in un giro di riciclaggio ancora poco chiaro tra persone, società estere e italiane.

Quasi 400 persone sono state vittime del raggiro, prevalentemente residenti in Belgio (ma anche italiani e francesi) in età avanzata che versavano al sacerdote somme di denaro destinate alla sua fondazione umanitaria Kepha e invece sparsi in contocorrenti tra Germania, Stati Uniti, Panama.

L’inchiesta è partita dalla segnalazione di una suora, ex collaboratrice del prelato, insospettita da alcuni documenti bancari riferiti ad una società di capitali che le erano stati recapitati presso la propria abitazione in Alto Adige. Le Fiamme Gialle hanno anche sequestrato in via preventiva alcune proprietà appartenenti al monsignore per oltre 10 milioni; tra queste: una lussuosa dimora risalente al 1465, a Piombino, un grande sito archeologico in Sicilia, nel Centro Museale di Triscina di Selinunte e altri immobili e terreni nella zona di Rieti e Arezzo.

Con mandato di cattura internazionale è ricercato l’affarista francese 54enne, Christian Ventisette, stretto collaboratore del prelato che, al momento dell’arresto, era diretto verso le Canarie.

About Redazione

Share this Entry

Sostieni ZENIT

Se questo articolo ti è piaciuto puoi aiutare ZENIT a crescere con una donazione